Home Musica News Musica

Un tè allucinogeno in compagnia degli PseudoSurfers

Sappiamo poco del progetto PseudoSurfers, ma abbastanza per godere del singolo shoegaze/grunge che anticipa la release del secondo EP "Undivided"

L’alone di mistero attorno al progetto PseudoSurfers, di cui oggi abbiamo un’anteprima video, è la causa diretta delle scelte fatte da chi sta dietro al nome. Le uniche informazioni che ci sono pervenute riguardano un Enrico M. che nel 2011 pubblica un EP a metà fra lo shoegaze e il noise. È cantato in italiano, ma la maggior parte dei consensi arriva altrettanto misteriosamente dall’estero.

Poi più nulla fino a ora, fino alle allucinazioni chimiche in Amiga e il suo video qui sopra, che anticipa l’uscita del secondo EP il 25 gennaio per la romana Satellite Records. Ed è facile capire perché questo Undivided EP è il primo ad essere cantato in inglese. «Ciò che differenzia Amiga dagli altri brani dell’EP è proprio l’idea di suono da cui sono partito, riconducibile a certe sonorità anni 90 ma mutate e ri-orchestrate fino a suggerire l’immagine sonora che avevo in testa.» Ci ha scritto Enrico riferendosi agli esercizi di grunge e shoegaze del singolo: «Semmai è il video a ricollegarsi al testo, sviscerando luci e ombre di un rapporto simbiotico.»

Sappiate che The PseudoSurfers presenterà Undivided, l’EP di cui sopra, in una serata speciale de Le Mura (Roma) la notte del 25 Dicembre (ore 22, puntuali).

Leggi anche