Home Musica News Musica

Protesta anti-Beyoncé: si presentano in tre

Il raduno era stato organizzato in seguito al gesto a favore del "black power" durante l'esibizione al Super Bowl

Beyoncé durante la sua esibizione al Super Bowl 50. Foto: Harry How/Getty Images

Beyoncé durante la sua esibizione al Super Bowl 50. Foto: Harry How/Getty Images

In seguito all’esibizione di Beyoncé durante l’Halftime Show del Super Bowl, un gruppo di persone ha deciso di scioperare davanti alla sede della NFL a New York. Il motivo? Il Black Power Salute, un saluto che Bee e le sue ballerine hanno eseguito durante la coreografia di Formation. Un gesto che vuole sottolineare l’appartenenza al movimento per i diritti degli afroamericani e che in questo caso voleva appoggiare le proteste contro le violenze della polizia sui neri.

Un gesto “politico” che ha fatto arrabbiare anche l’ex sindaco di New York, Rudy Giuliani, che ha definito così l’esibizione: «Semplicemente ridicola. Trovo orribile che abbia usato un evento sportivo per attaccare il corpo di polizia».

Su Twitter era partita una sorta di campagna per boicottare la cantante: «Siete offesi dal gesto di Beyoncé? Concordate sul fatto che questo tipo di manifestazioni vadano eliminate dagli eventi sportivi? I Black Panther sono un gruppo che si basa sull’odio. Non vanno glorificati». E quale modo migliore di dimostrare il dissenso se non con una bella manifestazione? Il raduno era fissato per ieri, 16 febbraio, sotto la sede della NFL. Però non si è presentato nessuno.

Una delle organizzatrici ha così commentato: «Forse alcuni sono stupiti che ci siano poche persone, ma ricordatevi che è un giorno feriale. E anche il tempo non è buono». E se il tempo non è buono…a voi i commenti.

Leggi anche