Home Musica News Musica

Prince, ecco il concerto-tributo con Beck, Foo Fighters e St. Vincent

Si terrà a Los Angeles il 28 gennaio. Si esibiranno anche Alicia Keys, John Legend, Chris Martin e Sheila E nel ruolo di direttrice musicale

Il tributo a Prince si terrà due giorni dopo i Grammy

Foto: Graham Wiltshire / Hulton Archive / Getty Images

Alicia Keys, John Legend e Usher saranno i protagonisti di un grande concerto-tributo a Prince che si terrà dopo i Grammy Awards 2020 e darà origine a uno speciale televisivo.

‘Let’s Go Crazy: The Grammy Salute to Prince’ si terrà il 28 gennaio – due giorni dopo i Grammy – al Los Angeles Convention Center e sarà trasmesso in aprile. I direttori musicali della serata saranno la percussionista Sheila E., Jimmy Jam e Terry Lewis, tutti collaboratori di Prince. Oltre ai nomi citati, si esibiranno Beck, Common, Foo Fighters, H.E.R., Earth, Wind & Fire, St. Vincent, Mavis Staples, Chris Martin, Gary Clark, Jr. e Juanes, oltre a Susanna Hoffs delle Bangles (che interpretò la hit scritta da Prince Manic Monday) e Morris Day and the Time. Ci sarà anche la band del musicista, i Revolution.

Sarà il gruppo di Sheila E. ad accompagnare la maggior parte degli artisti. La band avrà anche un suo set e la musicista dice c’è in programma l’esecuzione della hit scritta da Prince, The Glamorous Life – “per ovvi motivi” – e di America del 1985. “È un onore contribuire a celebrare la vita di un caro amico. Farlo come direttrice musicale è ancora meglio”.

Per Deborah Dugan, Presidente e CEO della Recording Academy, “Prince è uno dei grandi virtuosi della storia della musica. Grazie allo spirito sovversivo e al carattere forte ha dominato i generi musicali e ha creato dischi elettrizzanti e pieni di carattere. È una icona per artisti e fan di tutto il mondo, è un onore rendergli omaggio”.

Il tributo a Prince non è che l’ultimo di una serie di concerti della serie Grammy Salute che in passato hanno reso omaggio a Beatles, Bee Gees, Elton John, Stevie Wonder, Motown e Aretha Franklin. Il produttore dei Grammy Ken Ehrlich spiega che l’idea era nell’aria almeno dai tempi del tributo dei Time e di Bruno Mars ai Grammy del 2017. Ma, aggiunge, fare uno spettacolo su Prince è tutt’altra cosa.

Lo spettacolo coprirà diverse epoche della carriera di Prince, con le performance inframmezzate da parti biografiche. Per quanto riguarda la scaletta, ci saranno vari successi e qualche pezzo meno noto. “In quel che ho ascoltato finora”, dice Ehrlich, “c’è sempre un po’ di Prince, a volte anche parecchio”.

Per Sheila E., lo spettacolo è una celebrazione sia di un vecchio amico, sia del potere della musica. “C’è così tanta musica fra cui scegliere, è un peccato che ci siano solo due ore a disposizione. Potremmo suonare un’intera settimana. È Prince che ci ancora unisce e ci diverte”.

Altre notizie su:  Prince