Home Musica News Musica

PJ Harvey registrerà un disco in pubblico a Londra

Dal 16 gennaio i visitatori della Somerset House di Londra potranno vedere la musicista al lavoro. «Voglio che sia come una performance artistica», dice lei

PJ Harvey, 45 anni, cantante, polistrumentista, scrittrice e poetessa inglese

PJ Harvey, 45 anni, cantante, polistrumentista, scrittrice e poetessa inglese

Paghereste per vedere PJ Harvey in studio di registrazione? Arrivate tardi: avreste potuto vederla al lavoro sul seguito del suo Let England Shake (2011), alla Somerset House di Londra, dal 16 gennaio al 14 febbraio. Ma i biglietti sono andati esauriti nel giro di pochi minuti.

«Spero di far provare ai visitatori il flusso e l’energia del processo di registrazione», ha detto la musicista inglese, che ha trasformato le sue sessioni in studio in una vera e propria esibizione artistica. I visitatori della Somerset House possono assistere al processo, per non più di 45 minuti (pagando 15 sterline).

PJ Harvey suona “The Words That Maketh Murder” (2011):

L’operazione Recording in Progress ha le sue regole: gli spettatori devono limitarsi a osservare l’artista, al lavoro con la sua band e i suoi fidati produttori (Flood e John Parish) in una ex palestra (già poligono di tiro) dove sarà allestito lo studio di registrazione. Non sono ammessi cellulari, videocamere, macchine fotografiche o registratori.

«Voglio che Recording in Progress si svolga come una performance in una galleria d’arte», ha detto PJ Harvey all’Independent.

PJ Harvey suona “Let England Shake” dal vivo sulla BBC:

“È difficile criticare Polly Jean Harvey”, ha scritto Andrew Stafford sul Guardian, “ma bisogna dirlo: la sua idea non è una novità, l’hanno già fatto i Regurgitator, band di Brisbane, che nel 2004 hanno registrato il loro quinto album in piazza a Melbourne in diretta televisiva. Qui invece il pubblico potrà vedere PJ Harvey solo dalle 15 alle 18 dal martedì al venerdì, o dalle 13 alle 15 il sabato”. Però una cosa anche Stafford deve ammetterla: «L’operazione in piazza dei Regurgitator aveva prodotto un album mediocre».

Leggi anche