Home Musica News Musica

Pink Floyd: l’intero catalogo ristampato su vinile

Dal 3 giugno la band ripubblicherà tutti i suoi album, a partire da "The Piper at the Gates of Dawn", "A Saucerful of Secrets", "Soundtrack from the Film More" e il doppio LP di "Ummagumma"

I Pink Floyd sulla copertina di "The Piper at the Gates of Dawn"

I Pink Floyd sulla copertina di "The Piper at the Gates of Dawn"

I Pink Floyd inizieranno a ristampare la loro discografia in vinile a partire da questa primavera, dopo oltre 20 anni. La band pubblicherà gli LP attraverso la sua etichetta Pink Floyd Records, in associazione con Columbia.

La prima serie di release, in calendario per il 3 giugno, riguarderà i quattro primi full-lenghts della band: The Piper at the Gates of Dawn, A Saucerful of Secrets, Soundtrack from the Film More e il doppio LP di Ummagumma. L’etichetta del gruppo continuerà a pubblicare su vinile la sua discografia a intervalli regolari.

Ogni LP uscirà su un vinile di 180 grammi per preservare la sua qualità del suono. La band ha anche promesso di mantenere il packaging fedele all’originale.

Il master delle prime pubblicazioni sono state curate da James Guthrie e Joel Plante, che hanno collaborato con i Pink Floyd e i loro membri per diversi anni, e Bernie Grundman, al master in diversi album importanti, tra cui Thriller, Purple Rain e The Chronic.

Ascolta i 10 migliori album dei Pink Floyd secondo i lettori di Rolling Stone.

Leggi anche