Home Musica News Musica

Paola Russo vuole dirti che non è colpa sua

L'amore della Sicilia per il synthpop anni Ottanta ha generato un'altra artista, che pubblica oggi il suo video di esordio: "Non è colpa mia".

Oggi abbiamo in anteprima il singolo di esordio di Paola Russo, cantante siciliana che ha un passato da corista di Giorgia. La musica quindi, e tutto ciò che ci sta attorno tipo i palchi e gli studi di registrazione, per Paola non è cosa nuova, solo che finora non ci si è mai concentrati su di lei.

Ora pare sia arrivato il momento di dire la sua. E questo desiderio di espressione totale si traduce in un nostalgico synthpop/new wave che in Sicilia ha già fatto scuola molto tempo fa, se teniamo in cosiderazione il Maestro Battiato in primis.

Ma Paola è molto di più, con un look androgino e una voce profonda che riassumono un po’ l’eredità lasciata da icone 80’s come Anna Oxa, Nada e perché no anche un po’ Grace Jones. «Da piccola ero un vero maschiaccio con il passare degli anni ho scoperto il gusto minimalista, mi piacciano ancora i tagli sartoriali maschili ma li abbino a linee più ampie e morbide» racconta Paola, che ora sta pensando solo a un album da pubblicare e a dei palchi da calcare. «Amo il look androgino e il gioco degli opposti tra i colori e i tessuti.»

Che ci può fare? Niente. D’altronde lo dice anche nel video del singolo diretto da Andrea Nocifora, Non è colpa mia.

Leggi anche