Offspring, il batterista non si vaccina, il gruppo lo lascia a casa | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Offspring, il batterista non si vaccina, il gruppo lo lascia a casa

Pete Parada ha problemi medici e teme gli effetti collaterali, e non trova «etico, né saggio permettere a chi detiene il potere di imporre procedure mediche a chi non ha potere»

Pete Parada dal vivo con gli Offspring

Foto: Corey Perrine/Getty Images

Pete Parada non andrà in tour con gli Offspring. È quanto afferma il batterista nel suo profilo Instagram.

«Devo darvi una notizia spiacevole e difficile», scrive il musicista, spiegando che amici e famigliari avrebbero preferito non diffonderla. «Data la mia storia clinica e gli effetti collaterali dei vaccini, il mio dottore mi ha sconsigliato di fare una dose. Più di un anno fa ho preso il virus e sono sicuro di poterlo gestire di nuovo, ma non sono certo di potere sopravvivere di nuovo alla sindrome di Guillain-Barré post vaccinazione. Ne sono affetto fin da quando ero bambino e col tempo è peggiorata. Sfortunatamente per me (e la mia famiglia, che mi vuole vivo ancora a lungo) i rischi superano di gran lunga i benefici».

«Siccome non sono in grado di ottemperare a quello che sta diventando sempre più un obbligo richiesto dall’industria musicale, è stato deciso che non è sicuro che sia in giro e vada in studio e in tour. Lo dico perché non mi vedrete nei prossimi concerti. Voglio raccontare la mia storia per far sentire meno solo chi sta sperimentando lo stesso tormento e il medesimo senso di isolamento derivante dall’essere messo da parte».

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Pete Parada (@peteparada)

«Non ce l’ho con la band. Stanno facendo quel che pensano sia il meglio per loro e lo stesso faccio io. Auguro il meglio alla famiglia degli Offspring per il loro ritorno. È devastante non poter rivedere la mia comunità on the road e il contatto con i fan mi mancherà più di quanto possa esprimere a parole».

«Spero che si possa imparare a dare voce a tutti punti di vista e a tutte le paure», scrive il batterista riguardo l’atteggimento verso chi non si vuole o non si può vaccinare. «Evitiamo la brutta tendenza a dominare il prossimo, a disumanizzarlo, a gridarci contro. Chi esita a vaccinarsi non fa parte di un gruppo coeso. Tutte le voci meritano di essere ascoltate».

Per ora gli Offspring, che in aprile hanno pubblicato l’album Let the Bad Times Roll, non hanno commentato pubblicamente. Dopo le date americane, il tour prevede una parte europea. Sono attesi in Italia nel 2022: il 21 giugno al Carroponte di Milano e il 22 giugno allo Sherwood Festival di Padova.

Altre notizie su:  The Offspring