Home Musica News Musica

Nile Rodgers parla del tributo di Lady Gaga a Bowie

«È stato davvero, davvero emozionante per me, ma per quanto io possa amare David, in quel momento ero lì per Gaga», dice il chitarrista-produttore

Nile Rodgers e Lady Gaga sul palco dei Grammy. Foto: Larry Busacca/Getty Images for NARAS

Nile Rodgers e Lady Gaga sul palco dei Grammy. Foto: Larry Busacca/Getty Images for NARAS

Uno dei momenti da ricordare dei Grammy di lunedì sera è stata l’esibizione di Lady Gaga, un tributo hi-tech a David Bowie. Assieme a un’incredibile presentazione, Gaga ha passato in rassegna alcune delle hit più importanti del cantante, tra cui Rebel Rebel, Space Oddity e Changes.

Per avere un aiuto in più a mettere insieme lo spettacolo da sei minuti, Gaga ha chiamato niente di meno che il chitarrista degli Chic, Nile Rodgers – che ha lavorato con Bowie più di una volta, soprattutto per l’album del 1983, Let’s Dance – con il ruolo di direttore musicale della performance. Per Rodgers, che ha ricevuto la proposta direttamente da Gaga, non c’è stato neanche un momento di esitazione. «Neanche per mezzo secondo», ha detto. «Sono onorato».

Parlando con Rodgers, è chiaro che, nonostante lui fosse deciso a regalare un omaggio appropriato al suo amico scomparso, Lady Gaga fosse ancora più convinta a non sbagliare nulla nel suo tributo. «Non ho mai visto nessuno affrontare un progetto con questa intensità», ha detto della cantante. «È stato come se stesse affrontando una performance cinematografica, interpretando un personaggio, come quando Daniel Day-Lewis ha interpretato Lincoln. Era nel ruolo, man!». Abbiamo parlato con Rodgers su come è stato messo in piedi questo tributo, l’intricata tecnologia sviluppata da Intel e Haus of Gaga, e cosa ha significato per lui onorare Bowie.

Come è nato il progetto e quando sei stato coinvolto?
La performance di Gaga era in programma perché era in nomination con un suo pezzo, quello che ha scritto per un film con Diane Warren. Poi, quando David è scomparso, subito dopo – visto che probabilmente è stata la sua ispirazione più importante, artisticamente parlando – ha detto che avrebbe voluto fare un tributo a Bowie. Non so se avesse incontrato delle resistenze o meno, ma quando decisero che i Grammy avrebbero organizzato un tributo ai Bowie e che l’avrebbe fatto lei, mi ha chiamato perché conosceva com’era il mio rapporto con lui.

Non ho mai visto nessuno così concentrato su sei minuti di musica


Cosa ha significato per te far parte di questo tributo?
Le ultime parole che David mi ha rivolto sono state attraverso un film tributo che mi ha dedicato. Era una sorta di cortometraggio di congratulazioni realizzato da lui, una cosa dolcissima. La mia charity, We Are Family Foundation, mi stava premiando come “humanitarian of the year” e David non riuscì ad essere presente perché Iman, sua moglie, doveva ricevere un premio il giorno stesso a 4000 chilometri di distanza a San Francisco. Avevo scelto che fosse lui a premiarmi, e realizzò questo filmato per me, con un discorso meraviglioso. Scelsi lui perché cambiò la mia vita, prima di fare Let’s Dance ero una persona non gradita nel mondo del rock & roll.

Dopo Disco Sucks ho dovuto rivalutare la mia carriera e non ho mai avuto un successo fino al mio lavoro con Bowie nel 1982. Ora suona stupido, ma quando sei giovane e non hai successo per un paio di anni dopo che hai avuto una hit dopo l’altro, mi sentivo come «Oh, my God, la mia vita è finita!». E poi, dopo Let’s Dance ho avuto un Numero Uno dietro l’altro. Ho collaborato con i Duran Duran. Ho fatto Like a Virgin, l’album più importante della mia carriera dopo quello.

Andando al punto, com’è stato lavorare con Lady Gaga?
La conosco da poco più di un anno ora, e i nostri primi due incontri sono stati straordinari. Non mi piace essere sdolcinato e dire che sono stati degli incontri artistici, ma amico, sono stati degli incontri artistici! Ci siamo conquistati l’un l’altra e mi sono ritrovato a lavorare con lei il giorno dopo un nostro incontro, sullo stesso pezzo per cui era nominata ai Grammy. Ma questa esperienza con lei è stata… Non so come definirla. Non ho mai visto nessuno così concentrato su sei minuti di musica, e la mia carriera è davvero lunga. Abbiamo fatto solo quello! Siamo stati sul palco per sei minuti. Fino al momento in cui ci hanno dato il conto alla rovescia, ci ha caricato, ci dava lei indicazioni: «Dai ragazzi, questo è per David!» e così via. Ci dava lezioni di recitazione. Ci diceva: «Pensa a questa cosa come se fosse la persona più importante della tua vita, quella che ha rispettato di più. Chi è quella persona? Immaginala». È stato incredibile.


Ci puoi dire come sono stati i dialoghi tra di voi, mentre stavate mettendo in piedi la performance?
Fondamentalmente, lei voleva ripercorrere la sua carriera cronologicamente. Quindi, sappiamo che avevamo dei vincoli di tempo… Non è corretto per gli altri artisti rubare tutta la scena e prendersi tutto questo tempo sul palco. Aveva iniziato con 17 canzoni e, come direttore musicale, ho dovuto limare a nove pezzi, dicendol, «Gaga, ecco come dovremmo fare queste nove. Così possiamo realizzare una sorta di mash-up». Non so se hai sentito questa cosa, ma abbiamo preso la linea di basso di Under Pressure e l’abbiamo usata come intro su Let’s Dance. È stato molto simile a quello che abbiamo fatto con i Daft Punk due anni fa, il modo in cui hanno mescolato più di una canzone dentro il tema principale che stavamo suonando, che era Get Lucky.

Quindi quell’esperienza ti è servita per mettere insieme lo show…
È l’unicità degli show dei Grammy. Quando stavamo cercando di dare un senso cronologico, come voleva lei, a questo tributo, cercando comunque di toccare tutte le fasi della sua carriera, ho detto, «Guarda, c’è stata questa fase, e poi quest’altra». All’inizio c’era Space Oddity, poi l’era glam, Ziggy Stardust. Ha anche cercato di interpretarlo. Ha fatto le stesse mosse. Aveva anche indosso un completo di Kansai Yamamoto fatto per lei. Voglio dire, le cose sono arrivate negli ultimi due giorni. Onestamente, fino al momento di salire sul palco, stavamo sistemando delle cose. E poi c’è stato il morphing di Intel, che ha trasformato la sua faccia in quella di David, proiettandogliela sopra mentre stava completamente immobile.

Puoi dirci qualcosa di più sulla tecnologia che è stata usata nella performance? È sembrata una cosa parecchio complicata…
Le nostre prove in studio, e non esagero, sembravano ricreare la control room della NASA quando devono lanciare un razzo nello spazio. Tutti stavano seduti con un computer davanti e non ho capito cosa sia successo, ma io avevo dei sensori dietro la mia chitarra e Gaga aveva due anelli sulle dita, con dei sensori e una nuova tecnologia sviluppata da Intel chiamata Curie, dal nome di Marie Curie. Quei sensori controllavano le immagini dietro di noi, quindi io e lei dovevamo seguire una coreografia specifica per creare la scena completa.

Come direttore musicale, quanto tempo ti è servito per creare il medley e imparare le varie parti?
Un paio di settimane, a causa di tutta la tecnologia. Se avessimo dovuto imparare i pezzi e avessimo potuto leggere gli spartiti durante lo show, ci avremmo messo un giorno, forse due ore, ma c’era molto di più da fare. All’inizio eravamo in 17 sul palco e tutti, Gaga compresa, leggevamo gli spartiti. Anche nell’orchestra leggevano gli spartiti, quindi il suono era quello giusto, ma una volta che perdi quell’appoggio e devi suonare live, le dinamiche cambiano completamente. Siamo stati parecchio attenti ai dettagli, cercando di dare la giusta vibrazione alle canzoni e dovendo cambiare le tonalità. Nel rock & roll, molte delle canzoni sono costruite sulla forma dello strumento. Per spiegarmi, Rebel Rebel è costruita su un accordi di Re aperto e non c’è altro modo di suonarla. Ma grazie a Dio, so come mascherare i cambiamenti e il tutto è suonato abbastanza simile all’originale. Arrivo dal jazz, so come barare.

Sarebbe stato incredibile se David fosse stato ancora qui, e fosse salito sul palco mentre suonavamo



Cosa ci puoi dire del momento in cui hai affrontato Let’s Dance? Cosa avevi in mente quando lo suonavi?

È stato davvero, davvero emozionante per me, ma per quanto io possa amare David, per quanto quella canzone abbia cambiato la mia vita, in quel momento ero lì per Gaga. Sapevo che questo significava tutto per lei e ho dovuto separarmi dalle mie emozioni per questo. Voglio dire, ci siamo commossi tutti alla fine. È stato molto difficile perché non è il tipo di celebrazioni che puoi fare con qualcuno ancora in vita. In altre parole, se tu guardi il tributo a Lionel Richie sul finale, tutti erano felici e lui dal pubblico è salito a partecipare… Sarebbe stato incredibile se David fosse stato ancora qui, e fosse salito sul palco mentre suonavamo per fare con me Let’s Dance sul finale. Ho provato a chiederglielo, non ti so dire, per 10 anni (ride). Ogni volta che arrivavamo a New York, chiamavamo il suo ufficio per dire, «Per favore, informate David che siamo qui a suonare, se volesse fare Let’s Dance con noi».

È sempre stato un no secco? Si è mai fatto vedere ai vostri concerti, almeno?
Non è mai stato un no secco. È sempre stato un no gentile. A volte ci pensava su per qualche giorno al posto di qualche ora, e io mi agitavo «Oddio, questa volta succederà!».

È una domanda quasi impossibile a cui rispondere, ma come pensi l’avrebbe preso Bowie questo tributo?
Nel mio cuore, penso che l’avrebbe amato. Penso questo perché David era un artista così completo che interpretava diversi personaggi. Usciamo dall’universo della musica per entare in quello della performance, quando doveva interpretare Elephant Man senza trucco, contorcendo il suo corpo e dovendo interpretare il personaggio fino in fondo. È quello che Gaga ha fatto con questo tributo. Guarda quello che ha fatto lui come attore, come interpretava i suoi personaggi e Gaga, fino alla fine, ha cercato semplicemente di interpretare Bowie senza compromettere la sua voce e il suo talento.

Leggi anche