Home Musica News Musica

Al concerto di Nesli cantano tutti

Siamo stati alla prima data dell'Andrà Tutto Bene Tour, a Milano: «Ok, non sarò intonatissimo, ma non si può avere tutto»

Nesli @ Fabrique - Foto Alberto Pezzali/Nightguide

Nesli @ Fabrique - Foto Alberto Pezzali/Nightguide

Diciamola tutta: la serata inizia bene perché al mio arrivo (a concerto non ancora iniziato) come sottofondo c’è Karma Police dei Radiohead.

Per la prima data dell’Andrà tutto bene Tour 2015 di Nesli mi aspettavo di trovarmi nel bel mezzo di una massa di ragazzine urlanti, ma mi sbagliavo. Le ragazzine ci sono eh, ma sono meno del previsto, e si confondono tra un pubblico piuttosto eterogeneo.

Sono le 21.20 quando Nesli arriva sul palco e già dopo pochi minuti c’è quell’atmosfera che di solito si respira alla fine dei concerti. Quella degli accendini al cielo, per capirci.

Il pubblico è preparatissimo, non sbaglia una parola e quando partono le prime note di Buona Fortuna Amore, il brano presentato a Sanremo 2015, c’è la svolta: anche i ragazzi tatuati, che fino a quel momento avevano mantenuto una certa compostezza, si lasciano andare a playback furiosi. Su La Fine poi, brano ripreso anche da Tiziano Ferro, mi accorgo che anche la cassiera del Fabrique sta cantando. Sono circondato.

Nesli è uno di quegli artisti che piace a tutti. Mi spiego: se vai al concerto di Biagio Antonacci, il 90% degli uomini sono li per accompagnare le loro fidanzate. Qui è diverso. Le coppie cantano insieme, tra un limone e l’altro, tra ballad e pezzi pop a cui la band sa dare la giusta carica.

Nesli @ Fabrique Foto: Alberto Pezzali/Nightguide

Nesli @ Fabrique Foto: Alberto Pezzali/Nightguide

C’è anche una cover, Mare Mare di Luca Carboni, ma è una eccezione: «non canto mai le canzoni degli altri, neanche al karaoke».

Il momento poetico, quello dove recita alcuni versi di Slam, non me lo godo a pieno, a causa del mio vicino un po’ brillo che si è mette a urlare BEVO BEVO, ma sono dettagli.

«Ok, non canto benissimo, ma non si può avere tutto». Vero Nesli, non si può avere tutto. L’importante è che quello che c’è funzioni, come in questo caso.

Prima di chiudere, si assicura che chi ha bevuto non guidi. A me in compenso, nel parcheggio, hanno rubato il navigatore (ma tanto i miei amici hanno detto che è un oggetto obsoleto).

Altre notizie su:  Nesli Andrà tutto bene Nesli