Home Musica News Musica

Motel Connection a Cernobbio il 30 luglio: per RS la speciale playlist dell’estate

La band di Samuel apre il festival sul lago di Como con il suo Vertical Stage Mode. Ascoltate gli ottimi suggerimenti di Pisti e Pierfunk

Motel Connection, foto stampa

Motel Connection, foto stampa

Con i Motel Connection mercoledì 30 luglio parte il festival Città di Cernobbio. Fino all’8 agosto, nella cittadina sul lago di Como saliranno sul palco Davide Van De Sfroos (il 1 agosto), Giuliano Palma (il 6) e Simona Molinari (l’8), mentre il 4 agosto verrà rappresentato il Barbiere di Siviglia.

Il gruppo di Samuel (anche leader dei Subsonica) terrà il suo ormai tradizionale Vertical Stage, si esibirà cioè da una terrazza di Villa Erba, e per l’occasione ha battezzato lo show Motel Connection Vertical Mode. Le balconate di Villa Erba entreranno a far parte dello spettacolo per creare un’esperienza interattiva con il pubblico e volendo all’evento si potrà assistere anche dalle acque del lago.
I Motel Connection stanno portando in giro il loro spettacolo un po’ in tutta Europa, si sono esibiti anche dal balcone del parlamento europeo.

Per noi, Pierfunk e Pisti hanno pensato a una speciale playlist per questa estate.

Ecco quella di Pierfunk:

GusGus – Crossfade

Un gruppo che da 20 anni continua a produrre qualità, il pezzo che da qualche settimana continuo a canticchiare, quando meno me l’aspetto

Damon Albarn – The Selfish Giant

emozioni a gogo. La capacità di trasformare le proprie storie di vita in un racconto emotivamente coinvolgente anche per gli altri

Sohn – Bloodflow

un londinese che se ne va in Austria per trovare l’ispirazione montana.. E viene fuori questa capolavoro

Moderat – Gita

classe allo stato puro. Il pezzo che avrei desiderato scrivere io, dall’inizio alla fine, passando per gli arrangiamenti

Mount Kimbie – You Took Your Time

Mount Kimbie, un ottimo esempio di come inventarsi un suono, uno stile e fare musica di qualità. Le promesse di un futuro ancora migliore

E qui quella diPisti:

Nicola Jaar – Space Is Only Noise

Adoro questo disco per le sue sonorità, mi ricorda quando a sedici anni ascoltavo il Kraut Rock

Four Tet – Pink

Questo è uno di quei dischi che vorrei sempre con me, è un concentrato di ritmica e armonia che mi risveglia costantemente la voglia di fare musica

Flying Lotus – Until the Quiet Comes

Poco da dire… piccolo gioiello musicale in cui perdersi ascoltandolo

Future Islands – Singles

Fresco e divertente come il loro cantante!

Robert Hood – Omega

Non è un disco appena uscito ma è per me magistrale, qui ci sono le radici e il futuro della techno music

Leggi anche