Home Musica News Musica

Morto suicida Franco Ciani, musicista ed ex marito di Anna Oxa

Aveva gravi problemi economici. Morgan: «La legge anti-suicidi è un disastro. Spero in una legge dall’alto che fulmini all’istante il primo magistrato che canticchia una delle sue canzoni»

Franco Ciani e Anna Oxa

Aveva 62 anni Franco Ciani, musicista, cantante, autore e produttore che fu marito di Anna Oxa e autore di alcuni suoi grandi successi come Ti lascerò e Tutti i brividi del mondo. Si sarebbe suicidato con un sacchetto di plastica. Accanto al corpo è stato trovato un biglietto indirizzato a Nando Sepe, suo manager, in cui spiega le ragioni del gesto dovuto a grossi problemi economici e finanziari.

Nell’ultimo periodo Franco Ciani, sommerso dai debiti, si era visto pignorare i diritti d’autore per le sua canzoni depositate in SIAE. Aveva inoltre tentato di partecipare come autore al Festival di Sanremo 2020, ma la sua canzone affidata all’ex Matia Bazar Roberta Faccani sarebbe stata esclusa.

Intanto Anna Oxa, intervistata dal Corriere, ha dichiarato di avere qualche sospetto sulla morte: «Ho saputo che si è suicidato. Faccio fatica a credere a questo gesto, da parte di Ciani: sapeva molte cose, se fossi un familiare io approfondirei». I due sono stati sposati dal 1982 per un decennio.

Poco fa è arrivato anche un commento di Morgan sulla legge salva-suicidi: «La famosissima legge anti-suicidi, un vero disastro, una legge che è una burla di fronte alle incongruenze anti uomo di cui il nostro stato ‘democratico’ è promotore e attuatore. Una legislazione a dir poco anticostituzionale piena zeppa di meccanismi inarrestabili dove una volta che il cittadino anche solo per sbaglio mette mezzo piede viene trascinato ed inghiottito, spellato vivo, vilipeso, derubato legalmente, messo in ginocchio e infine fagocitato una volta che non ha neanche più un briciolo di energia per aprire le finestre al mattino.[…]E qui stiamo pure parlando di un artista, un musicista, un autore di canzoni. Spero in una legge dall’alto che fulmini all’istante il primo magistrato che canticchia una delle sue canzoni anche sovrappensiero».