Morrissey all’attacco di Trump e Clinton

Il cantante ha pubblicato una lettera sul sito "True to You"
Morrissey sulla cover di "World peace is none of your business"

Morrissey sulla cover di "World peace is none of your business"


Dopo aver già criticato l’anno scorso la campagna di Donald Trump, Morrissey è tornato sulle elezioni statunitensi. In una lettera scritta al sito True To You, il cantante ha attaccato questa volta entrambi i candidati, con parole dure sia per Trump che per la Clinton. Lodando, però, Bernie Sanders.

“Le schede di voto per il 2016 dovrebbero avere una casella NESSUNA FIDUCIA NEI CANDIDATI, e questa casella raccoglierebbe la maggior parte dei voti. Clinton e Thump (sic) potrebbero essere popolari tra i fedeli al partito – ma i fedeli al partito non sono così tanti, e non sono l’America, quindi si profila un giorno triste a novembre – un giorno che solo Bernie Sanders avrebbe potuto salvare”, ha scritto Morrissey.

In apertura si è riferito ai fatti di Orlando, notando come l’attentatore, probabilmente spinto anche da rabbia omofoba, abbia un profilo social pieno di selfie. “È quindi accettabile per lui ammirare la sua mascolinità, ma non è accettabile per altri uomini ammirare altri uomini. LE scritture islamiche dicono che è giusto per un uomo sedersi da solo per scattare adoranti fotografie di se stesso? Dubito”, scrive Moz nella lettera.

Il testo completo si può trovare qui.