Home Musica News Musica

Mick Jagger si è incazzato con Trump per aver usato una sua canzone nel discorso

Non è la prima volta che gli Stones se la prendono con Trump per aver utilizzato senza permesso una loro canzone, ma al nuovo Presidente degli Stati Uniti non sembra importare granché

Non erano passate nemmeno 24 ore dal lancio del loro nuovo video Hate To See You Go che per Mick Jagger e i suoi Stones era già tempo di smorzare la festa.

Ai più attenti fra quelli che questa mattina hanno seguito il primo discorso di Donald Trump da neoeletto Presidente degli Stati Uniti, infatti, non sarà sfuggito che era proprio una canzone degli Stones a risuonare durante i ringraziamenti agli elettori, collaboratori e parenti in seguito al trionfo alle urne, ovvero il grande classico del 1969, la leggendaria You Can’t Always Get What You Want scritta dalla coppia Jagger/Richards e inclusa nel loro album Let It Bleed.

La traccia era già stata usata da Trump durante un convegno a luglio, nonostante in maggio gli Stones avessero ufficialmente contestato all’allora Candidato Repubblicano di aver utilizzato una loro canzone senza permesso – in quel caso si trattava di Start Me Up. La band inglese si aggiungeva quindi alla sfilza di artisti che avevano impedito al Tycoon di usufruire dei loro brani durante la campagna elettorale, per non essere associati a un uomo politico cui erano fermamente contrari.

Fresco della vittoria appena conseguita, Trump ha ancora una volta ignorato le richieste degli Stones, siglando la propria elezione con You Can’t Always Get What You Want nonostante una causa legale sorta proprio in seguito alla disputa di luglio nata dall’utilizzo di quella stessa canzone.

La risposta di Mick Jagger non si è fatta attendere e, tramite Twitter, il cantante ha ironicamente commentato: «Forse mi chiederanno di cantare You Can’t Always Get What You Want al discorso inaugurale». Per cui, se il neo Presidente non ha mai nascosto la propria passione per la band britannica, di certo non è così per Jagger che ha assistito ancora una volta al massacro di uno dei suoi brani più amati dai fan.