Manuel Agnelli, Editors, PFM, Kraftwerk e tanti altri: la musica a Genova riparte al Porto Antico con “EstateSpettacolo” | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Manuel Agnelli, Editors, PFM, Kraftwerk e tanti altri: la musica a Genova riparte al Porto Antico con “EstateSpettacolo”

Un calendario di concerti e spettacoli molto ricco, che spazia tra generi e tradizioni. Con l'edizione 2022, “EstateSpettacolo" vuole rimettere Genova sulla mappa nazionale della musica dal vivo

Manuel Agnelli

Manuel Agnelli

Foto press

Tre mesi di programmazione, tre palchi affacciati sul mare: in quella che verrà ricordata come l’estate della ripartenza, Genova è pronta a fare sul serio con un cartellone che non passa inosservato. La ventitreesima edizione di “EstateSpettacolo” si preannuncia più ambiziosa che mai. Nel trentennale di Porto Antico di Genova – società organizzatrice che accoglierà nei suoi spazi la rassegna – “EstateSpettacolo” si propone come una manifestazione che non vuole essere semplicemente una sfilata di eventi, ma un vero e proprio festival di livello nazionale (e non solo locale), diffuso, inclusivo, aperto. Non una parata di grandi nomi, ma un cartellone che tiene insieme l’alto e il basso, il pop e la ricerca, la cultura e l’intrattenimento. Da luglio a settembre, passando da Thurston Moore dei Sonic Youth che apre la serata del concerto di Manuel Agnelli alla PFM, da Franco 126 e Marracash ai Kraftwerk e gli Editors, dall’omaggio a Ennio Morricone a una parata di comici popolari come Giorgio Panariello e Pucci.

Un programma ricchissimo che vuole diventare un modello e al tempo stesso piazzare Genova nuovamente sulle mappe della musica (e non solo) dal vivo italiane. Da tempo piazza un po’ laterale (fatta eccezione per il Goa Boa, che infatti è una delle realtà incluse nel cartellone con i concerti di Brunori, Kraftwerk e Fabri Fibra), Genova accetta la sfida e scommette su un modello nuovo di costruzione e partecipazione: «Il nuovo modello di business nasce nel 2021» dice Gilberto Gagliardi, direttore generale del Porto Antico: «Grazie alla collaborazione con Moosa (rete di imprese musicali chiamata a fare da trait d’union tra gli operatori storici e giovani della città di Genova) e Music Innovation Hub, lavoriamo per un nuovo posizionamento di Genova come città attenta al nuovo e che crea partecipazione. C’è voglia e bisogno di stare insieme, soprattutto per i più giovani.» Il calendario è ricchissimo, oltre 90 appuntamenti diffusi in tre location (l’Arena del Mare; la Piazza delle Feste; l’Isola delle Chiatte): «Vogliamo anche offrire opportunità di aggregazione e scambio per le persone che vivranno la città in Agosto. Mentre tutto si svuota, noi riempiremo di cultura con un vero e proprio Second Stage in Arena», continua Gagliardi, che al suo secondo anno come direttore del Porto vuole provare a innovare sulla base delle best practice europee per fare di Genova un nuovo polo attrattivo.

«I genovesi devono vivere quest’area come se fosse loro. Per questo abbiamo puntato non solo sulla quantità, ma sulla qualità» aggiunge il presidente di Porto Antico Mauro Ferrando. Si parla molto di giovani, nella conferenza stampa di presentazione del festival che prenderà il via ufficialmente il 6 luglio col concerto di Brunori, ma non sono frasi fatte buone per la campagna elettorale permanente. Infatti a parlare ci sono anche Sarah Parisio di Music Innovation Hub, Luca Sabatini dell’Università di Genova e Luca Masperone di Moosa.

«Portiamo a Genova un vero e proprio villaggio per l’educazione musicale e la formazione, Chorus Days Music Educational Expo, dal 23 al 25 settembre» dice Parisio: «Vogliamo creare un confronto permanente per creare processi e formati innovativi che valorizzino l’offerta musicale». Music Innovation Hub è un soggetto che crede fortemente nella sinergia e nel lavoro di concerto con le altre realtà, conclude Parisio: «È l’unico modo per essere attrattivi e inclusivi verso le giovani generazioni». Generazioni che magari non sono (ancora?) abituati ad andare a vedere un concerto ma che sono disposti a mettersi a disposizione dopo due anni in cui le opportunità di incontro e espressione sono state ridotte pressoché a zero: «Con i nostri studenti dell’Università di Genova ci siamo concentrati sull’aspetto della comunicazione web» dice il professor Sabatini «Proprio perché bisogna anche capire l’aspetto professionale dell’esperienza musicale non solo sul palco, ma tutta intorno».

Il lavoro di queste nuove realtà coinvolte nel progetto è proprio quello di mettere in contatto enti che fino ad oggi non si sono parlati e dare spazio e visibilità a chi fino ad oggi è rimasto “tappato”. Ad esempio gli eventi ‘alternativi’ di Electropark, che porteranno sul palco Blak Saagan e Leatherette; oppure il Balena Festival che quest’anno ha un ruolo da protagonista con ben undici concerti tra cui Cosmo, Eugenio in via di Gioia, Editors e Caparezza, solo per fare qualche nome; oltre al programma agostano per chi resta in città, il cui programma è in completamento, ma che sarà dedicato all’incontro tra le culture urban e le comunità di seconda generazione locali e che vedrà, tra le altre proposte, una reunion di eccezione nel mondo del rap old school: Kaos & Dj Craim + special guest Colle der Fomento, con in apertura il gruppo savonese DSA Commando.

Numerosi i festival e i promoter storici presenti nell’edizione 2022 di Porto Antico EstateSpettacolo, come Gezmataz, Porto Antico ProgFest, PortoLive Metal Fest, Palco sul Mare, Ridere d’Agosto… ma anche prima, il già citato Goa Boa, Duemilagrandieventi, Sea Stories e la new entry I Distratti.

Quello che emerge è la volontà di organizzare qualcosa che possa imprimere un significato forte nella città. Dare un nuovo senso ai luoghi riempiendoli di contenuti e dare spazio di espressione dentro Genova che sia in grado anche di parlare fuori e attirare persone. «Il tutto tenendo presente» conclude Gagliardi «che questa è un’impresa culturale e che la qualità ha un costo e si paga». Perché appunto, non si tratta solo di artisti che ci fanno divertire (cit.).

Tutte le informazioni sul programma su: portoantico.it