M.I.A. equipara un negazionista della strage di Sandy Hook alle celebrità pro vaccino | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

M.I.A. equipara un negazionista della strage di Sandy Hook alle celebrità pro vaccino

Per la cantante, i vip che hanno invitato a vaccinarsi andrebbero puniti come Alex Jones, che considera il massacro alla scuola elementare del 2012 una messinscena e che è stato condannato a risarcire i genitori delle vittime

M.I.A.

Foto: Pierre Suu/Getty Images

M.I.A. ha equiparato un negazionista che ha mentito e diffamato le vittime della strage di Sandy Hook alle celebrità che hanno promosso la vaccinazione anti Covid.

Ieri un giudice ha condannato il cospirazionista Alex Jones che negava l’esistenza della strage di Sandy Hook a pagare quasi un miliardo di dollari di risarcimento alle famiglie delle vittime. M.I.A. ha commentato dicendo che dovrebbero pagare anche le celebrità che hanno promosso i vaccini.

«Se Alex Jones paga per aver mentito», ha twittato, «non dovrebbero pagare anche le celebrità che hanno spinto i vaccini?».

A sostegno di questa affermazione, in un secondo tweet M.I.A. ha postato uno screenshot dei trending topic su Twitter in cui compare il vaccino Pfizer, a proposito di un fact check della Reuters risalente a un anno fa circa la trasmissibilità del virus dopo la vaccinazione.

«Alex Jones che mente e Pfizer che mente sono entrambi trending topic. Uno è stato punito, l’altro no. Nel caso non abbiate capacità di pensiero critico, sappiate che è quanto di più folle si possa fare prima che una guerra nucleare cancelli la razza umana».

Dopo la strage di Sandy Hook, in cui sono state uccise 26 persone, tra cui 20 bambini, Alex Jones ha usato la sua piattaforma InfoWars per bollare il massacro come una bufala, dicendo che i genitori dei bambini erano attori.

M.I.A. ha chiarito la sua posizione sui vaccini a marzo 2020, quando ha scritto su Twitter che «se devo scegliere tra vaccino e chip, scelgo la morte».

La cantante non si considera una no vax. «Anti vaxer è un vostro termine», ha scritto a proposito di un articolo di Vogue. «Non esisteva prima di questa dipendenza binaria in cui tutti devono dividere ogni cosa in due. Anti questo, anti quello. Io non voglio rendere tutto bianco o nero».

Venerdì M.I.A pubblicherà l’album Mata, da cui sono stati tratti i singoli Beep e Popular.

Altre notizie su:  M.I.A.