Home Musica News Musica

Il Lucca Comics & Games 2015 promette bene

Cosplay, fumetti, libri, videogiochi, spettacolo: il Lucca di quest'anno prende ispirazione dalle edizioni precedenti per migliorarsi, punti deboli compresi

Una partecipante dell'edizione 2104. Crediti: Antonio Viscido (lol)

Una partecipante dell'edizione 2104. Crediti: Antonio Viscido (lol)

Tagliamo al sodo e veniamo al dunque: quest’anno il Lucca Comics & Games si preannuncia una figata. E in questo senso, i numeri non mentono. L’anno scorso, l’evento organizzato nella città famosa per le mura e dedicato a fumetti, giochi e quant’altro possa distrarci dagli affanni della vita, è stato visitato da quasi mezzo milione di persone.

Mezzo milione contro le 90 mila anime che popolano Lucca sono tantine. E sarebbe sciocco negare che il flusso di avventori che invaderà la cittadina toscana dal 29 ottobre al 1 novembre possa creare problemi di logistica (uno su tutti, le code eterne). Ecco, su questo punto delicato gli organizzatori hanno speso più energie, come hanno sottolineato ieri alla Feltrinelli in Duomo, luogo della conferenza.

Il manifesto disegnato da Kopinski

Il manifesto disegnato da Kopinski

Per diluire la fiumana di appassionati, il team dietro all’evento ha studiato padiglioni più ampi, un tetto di 80 mila biglietti giornalieri e orari più estesi. Sabato 31, ad esempio, gli stand offriranno intrattenimento fino alle 9 di sera.

Il fumettista Gianni “Gipi” Pacinotti e il suo nuovo gioco di carte, gli sceneggiatori della nuova stagione di Doctor Who, Cristina D’Avena (non fate quelle facce, siete cresciuti con le sue sigle) e il giovane talento dell’illustrazione fantasy Karl Kopinski sono solo alcuni degli ospiti previsti nei tre giorni di marasma ludico. Proprio il Kopinski è la firma del manifesto di quest’anno, una trasposizione steampunk del tema attorno a cui si basa l’edizione 2015, il viaggio.

Foto: Mr. Tiger

Foto: Mr. Tiger

Sì, viaggiare, ma non necessariamente nello spazio. Quest’anno infatti ricorre il 70esimo anniversario dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Esiste un’occasione più azzeccata per una mostra dedicata al fumettista Bonvi e le sue famose strisce Sturmtruppen? Ovviamente, Bonvi non sarà l’unico nome illustre a svettare nella sezione fumettisti celebri. Presenti e belli attivi, potrete assistere alle conferenze presiedute da Alfredo Castelli, Milo Manara, Tanino Liberatore, Leo Ortolani e Giuseppe Palumbo.

Nonostante venga chiamato informalmente Lucca Comics, una parte notevole degli stand (se ci siete già stati lo sapete) è dedicata al gaming. E quest’anno c’è davvero tanta ciccia nuova da provare, come RainbowSix, Guitar Hero Live, Halo 5 e Call Of Duty: Black Ops III. Cosa manca? Ah, sì. Voi.

Altre notizie su:  Lucca Comics & Games