Home Musica News Musica

Lil Wayne rischia 10 anni di carcere

Il rapper ha portato una pistola placcata d’oro su un’aereo privato. Considerata una precedente condanna del 2009, ora rischia la prigione

Foto: Amy Harris/Invision/AP Images

Lil Wayne è stato accusato di possesso illegale di armi in Florida. Secondo alcuni documenti ottenuti da Rolling Stone US, il rapper – vero nome Dwayne Carter –, è accusato di possedere un’arma da fuoco nonostante fosse già condannato. L’accusa è relativa a un incidente avvenuto il 23 dicembre 2019 nella contea di Miami-Dade. Carter si era già dichiarato colpevole di possesso di armi nel 2009, a New York: se dovesse essere condannato, ora rischia 10 anni di carcere.

Howard Srebnick, l’avvocato del rapper, ha confermato tutto a Rolling Stone US: «Carter è sotto accusa per una pistola placcata d’oro che teneva nel suo bagaglio su un aereo privato», ha detto in un comunicato. «Non è accusato di averla impugnata o utilizzata, nemmeno di aver minacciato di farlo. L’accusa è che sia una persona pericolosa. L’imputazione è relativa alla condanna passata, che gli proibisce di possedere un’arma da fuoco».

«Anche se la Corte Suprema non si è ancora espressa sul tema, recentemente la giudice Amy Coney Barrett ha scritto un appello in cui dichiarava: “Senza prove che il soggetto appartenga a una categoria pericolosa o dimostri chiari indicatori di rischio, impedire a un condannato di possedere un’arma viola il secondo emendamento”», conclude l’avvocato.

Il procuratore del Southern District of Florida non ha risposto alla richiesta di commenti di Rolling Stone US.