Liam Gallagher, due nuovi concerti in Italia

In attesa di vederlo il prossimo giugno sul palco degli I-Days, l'ex frontman degli Oasis ha annunciato due nuove date in Italia, a Conegliano e Roma.

Liam Gallagher durante il concerto a Milano, il 26 febbraio 2018. Foto di Rodolfo Sassano/Alamy Live News


Dopo il grandioso live di Milano che ne ha inaugurato il ritorno sui palchi italiani, questa volta da solista, l’attesa per i nuovi concerti di Liam Gallagher è altissima. Infatti, aspettando di vedere l’ex frontman degli Oasis sul palco degli I-Days il prossimo 21 giugno all’Area Expo-Experience di Milano (Noel Gallagher suonerà solo qualche giorno dopo, il 23 giugno), Our Kid ha appena annunciato due nuove date italiane: il 15 novembre alla Zoppas Arena di Conegliano (TV) ed il giorno seguente, il 16, al Palalottomatica di Roma.

I biglietti per i due show saranno disponibili dalle ore 10.00 di mercoledì 4 aprile in anteprima per gli iscritti a MyLiveNation su livenation.it per 24 ore. La messa in vendita generale partirà invece dalle ore 10.00 di venerdì 6 aprile su ticketmaster.it, ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

Nel frattempo, Liam è attualmente in tour, per promuovere il suo As You Were, debutto solista che ha stupito pubblico e critica, grazie anche a un suono volutamente tradizionale, suono che rispecchiasse l’unico grande amore del cantante: «Che bisogno c’è di creare un nuovo tipo di musica, quando esiste il rock’n’roll? Te lo dico io qual è stata l’ultima musica nuova che abbiamo ascoltato: si chiama techno, ed è una merda! Dov’è finita oggi la fottuta techno? Qualcuno me lo sa dire? È solo la mia opinione, ma secondo me gran parte di questa roba dance non è in grado di durare nel tempo, perché non ha anima», aveva detto l’ex Oasis durante la nostra intervista esclusiva. «Non dirmi che uno qualsiasi di quei coglioni che ballano in un campo per tre giorni di fila si alza il lunedì mattina per andare a lavorare, e ascolta quella merda techno senza che gli venga voglia di spararsi. Io so che posso ascoltare Jumpin’ Jack Flash dei Rolling Stones senza droghe o Bridge Over Troubled Water di Simon and Garfunkel senza alcol, e saranno sempre grandiose».

Leggi anche: