L’ex assistente di Marilyn Manson l’ha denunciato per violenza sessuale | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

L’ex assistente di Marilyn Manson l’ha denunciato per violenza sessuale

Dopo Esmé Bianco, Ashley Walters è la seconda donna a fare causa al cantante. Secondo le accuse, Manson abusava di lei e l'avrebbe «offerta a tutti gli amici e ai colleghi influenti dell’industria»

Marilyn Manson

Foto: Evan Agostini/Invision/AP

Ashley Walters, l’ex assistente di Marilyn Manson, ha denunciato il cantante per violenza sessuale, molestie, danni morali e aggressione. Dopo l’attrice Esmé Bianco, Walters è la seconda donna a fare causa a Manson.

Prima di incontrare Manson, Walters era un’aspirante fotografa. Secondo i documenti della causa, Manson l’ha contattata sui social media a marzo 2010 per farle i complimenti per i suoi scatti. Due mesi dopo l’ha invitata a casa sua, dove l’ha fotografata e invitata a spogliarsi. Poi l’avrebbe legata al letto e costretta a mettere le mani nelle sue mutande. Il giorno dopo le ha proposto con un messaggio di collaborare, e lei ha deciso di ignorare quell’aggressione. Dopo quell’episodio, Warner si è comportato professionalmente, ma poco dopo l’avrebbe messa a disagio proponendole una sorta di scambio: Walters sarebbe diventata direttore della fotografia se fosse apparsa in video indossando biancheria intima e una giacca nazista. 

Secondo l’accusa, Manson le avrebbe detto di «amare quando le ragazze sembrano appena stuprate». Mentre era in scena, un altro attore sul set ha iniziato a masturbarsi e Manson le avrebbe chiesto di “aiutarlo”. Quando lei ha cercato di allontanarsi, l’attore l’ha spinta contro un muro. Secondo la testimonianza di Walters, Manson aveva detto all’attore che era sicuro che lei avrebbe passato la notte con lui.

Ad agosto 2010, il cantante l’ha assunta come assistente personale, promettendole che l’avrebbe pagata il doppio di quanto guadagnava con il lavoro precedente. Secondo la denuncia, il cantante aveva un atteggiamento aggressivo, distruggeva l’attrezzatura e la costringeva a pulire, le impediva di vedere famiglia e amici per le vacanze. Nel frattempo, dice Walters, la spingeva ad accettare le molestie dei suoi amici. «Verso settembre 2010, agli Spike TV Stream Awards a Los Angeles, l’ha spinta verso un altro attore e si è vantato del fatto che lui poteva “averla”», si dice nella denuncia. «L’attore l’ha baciata e costretta a restargli vicino. L’accusato offriva Walters a tutti gli amici e ai colleghi influenti dell’industria». L’accusa riporta altri due episodi: il primo è avvenuto il mese successivo, quando un regista l’ha palpeggiata tenendole una mano sulla bocca; il secondo risale a marzo 2011, quando Manson l’ha invitata a stare con un ricco musicista. Più avanti lui avrebbe chiesto a Manson se potesse «comprarla».

Mentre lavorava per lui, Walters dice che Manson le ha mostrato un video in cui abusava e frustava «una giovane fan». Walters dice anche che in quel video Manson puntava una pistola verso la ragazza, che all’epoca era minorenne.

In un altro episodio raccontato nella denuncia, Manson l’ha minacciata dicendo che aveva amicizie pericolose. Secondo Walters, il cantante costringeva i suoi dipendenti ad apparire in video con abiti nazisti e che spiava i loro computer alla ricerca di materiale per ricattarli. Manson, inoltre, si sarebbe vantato di aver stuprato delle donne senza conseguenze.

Walters racconta anche che alcune delle fidanzate di Manson, tra cui Bianco e l’attrice Evan Rachel Wood, scappavano da lui e si nascondevano nel bagno degli ospiti. L’ha anche visto mentre abusava di loro, mentre nei viaggi di lavoro «degradava continuamente le sue fan» e nascondeva droga nel suo bagaglio. Manson ha chiuso il loro rapporto di lavoro a luglio 2011, quando ha scoperto che Walters aveva passato del tempo con Esmé Bianco.

La collaborazione si è conclusa definitivamente a ottobre 2011, ma successivamente Manson avrebbe continuato a molestarla. Walters dice che il cantante ha rubato delle opere da casa sua, e che le avrebbe anche hackerato l’account di Facebook.

All’inizio dell’anno, Evan Rachel Wood ha accusato Marilyn Manson di abusi sessuali. Poi, dopo la sua denuncia di aprile, altre donne hanno iniziato a farsi avanti e raccontare altri episodi di violenza, e Manson è stato isolato dal resto dell’industria. La sua etichetta Loma Vista ha interrotto ogni collaborazione, così come il manager Tony Ciulla, l’agenzia di booking CAA e la produzione delle serie Creepshow e American Gods.

A febbraio, Manson ha detto che le accuse erano «orrende distorsioni della realtà». «Le mie relazioni intime sono sempre state interamente consensuali», ha scritto. «Non importa quanto cerchino di falsare il passato, questa è la verità».

«Camminavamo in punta di piedi», ha detto Walters in un’intervista al magazine New York per spiegare quanto fosse terrorizzata da Manson. «Eravamo tutti disumanizzati».

Altre notizie su:  Marilyn Manson