Home Musica News Musica

Kendrick Lamar celebra Eazy-E e Compton in un tributo emozionante

«Non è solo la nascita del gangsta rap, ma la nascita della possibilità di poter dire quello che vuoi su un disco», ha detto il rapper degli N.W.A.

Lamar oggi sarà ospite speciale della Casa Bianca. Foto: Kimberley Ross

Lamar oggi sarà ospite speciale della Casa Bianca. Foto: Kimberley Ross

Kendrick Lamar ha elogiato il coraggio di Eazy-E degli N.W.A. e il nuovo modo di raccontare la verità che ha portato al mondo dell’hip-hop, come parte di un omaggio che nasce dal numero Nowstalgia di Paper magazine, uscito per celebrare i grandi rapper scomparsi.

«La gente aveva paura di esprimersi su questo tipo di situazioni difficili, ma dopo che (Eazy) e tutto il suo gruppo ne hanno iniziato a parlare, tutti sono in grado di farlo. E lo dobbiamo a lui», ha detto Kendrick. «Non è solo la nascita del gangsta rap, ma la nascita della possibilità di poter dire quello che vuoi su un disco e di non avere paura di ciò che gli altri possano pensare, senza offendere la propria arte e il proprio pensiero».

Lamar ha iniziato ricordando il suo primo incontro con Eazy, attraverso il suo televisore nel video di We Want Eazy, dal suo debutto da solista del 1988 Eazy-Duz-It. Aveva solo cinque o sei anni al tempo, e Lamar non aveva idea che anche l’MC fosse di Compton, ma ha sentito parlare degli N.W.A. ovunque e, crescendo, ha cominciato a riconoscere le immagini vivide raccontante nell’album, giocando nel suo quartiere.

«Guardare a loro mentre crescevo all’interno della mia comunità, ha lasciato un grande segno su di me, perché mi ha fatto capire che non importa quanto lontano possa andare, devi sempre restare assieme alla tua gente e raccontare quello che succede nel quartiere, che si tratti di una dura realtà o meno», ha detto Lamar. «Prima di loro, il rap era divertente, avevi le tue battaglie da combattere e quant’altro, ma da quel punto in poi, da quando Eazy ha iniziato a fare quello che voleva fare, a essere un visionario, ha avuto l’idea giusta, essere completamente onesto. E penso che questa cosa abbia scosso un sacco di gente perché aveva un valore davvero forte. “Okay, questi ragazzi si stanno facendo sentire, parlando della loro realtà, senza considerare quanto questo possa farti incazzare”».

Ma Lamar ha aggiunto che non era pienamente in grado di cogliere il potere di diffondere un messaggio di questo tipo su scala globale, fino a quando è stato in tour con good kid, m.A.A.d. city, e ha incontrato fan in giro per il mondo che rappavano con lui dei problemi della sua comunità. Questa esperienza gli ha fatto desiderare di continuare a fare musica, ma ha anche rafforzato l’importanza di restare collegato a casa sua.

«Qualcuno mi ha detto questa cosa anni fa: “You’re nothing without your own backyard” (letteralmente: non conti nulla senza il tuo cortile, ndt),» ha detto Lamar, aggiungendo poi: «Si può fare dieci volte il giro del mondo, ma quando torni di nuovo a casa tua e vedi l’orgoglio e la gioia nei volti di questi bambini, è una sensazione incredibile. Penso che sia esattamente quello che (gli N.W.A.) stavano pensando ed è esattamente quello che penso io oggi. Non sarei qui se non fosse stato per Eazy e non sarei in grado di dire le cose che dico, parlare della mia comunità nel modo in cui ne parlo, nel bene e nel male».

Altre notizie su:  Kendrick Lamar