Tutte le opere di John Lennon in uno stupendo Box di vinili in vendita da giugno | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Tutte le opere di John Lennon in uno stupendo Box di vinili in vendita da giugno

Finalmente, tutti i dischi studio dell'ex Beatle verranno messi in vendita dal 9 giugno grazie all'iniziativa di Universal

La creatività di "Lennon" che raccoglie su vinile tutti gli album studio dell'ex Beatle.

La creatività di "Lennon" che raccoglie su vinile tutti gli album studio dell'ex Beatle.

Avere tutti dischi di John Lennon originali è un’impresa che soltanto pochi collezionisti erano riusciti ad ottenere fin’ora; ma dal 9 Giugno non sarà più così perché la Universal farà uscire la prima raccolta completa degli studio album in vinile di John Lennon, da tempo esauriti.

Ognuno degli LP contenuti nel box riprodurrà fedelmente le grafiche delle originali edizioni Inglesi uscite tra il 1970 e il 1984: “Imagine”, per esempio, includerà la replica esatta del poster e delle sue due cartoline, “Some Time In New York City” avrà una cartolina e “Walls and Bridges” sarà accompagnato da un booklet di otto pagine ed artwork con ante ad ali apribili.

Chi ha guidato la nuova masterizzazione degli otto album? Ma lei, l’ intramontabile Yoko Ono assieme ad un team di ingegneri guidati Allan Rouse (storico ingegnere sonoro dei Beatles) agli Abbey Road Studios di Londra e da George Marino (ex del Record Plant Studios che ha visto incidere gente del calibro di Bob Dylan, Patti Smith, Lou Reed, Bruce Springsteen, Aerosmith e molti altri): a tutti i dischi è stato realizzato un nuovo mastering specifico per vinili da Sean Magee agli Abbey Road Studios mentre la produzione per tutto il mondo è stata affidata alla Optimal Media, azienda tedesca universalmente apprezzata per l’altissima qualità delle stampe in vinile. In pratica sono stati scelti i migliori ingegneri del suono in circolazione dagli anni ’70 a oggi.

John Lennon è uno dei nomi più conosciuti e celebrati del panorama del rock internazionale: dopo la sua morte, oltre ai numerosissimi premi ricevuti, John è stato insignito di un Grammy Award e di due speciali BRIT Awards alla carriera, è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame e nella Songwriters Hall of Fame e nel 2008 la rivista Rolling Stone lo ha inserito nella Top 5 della sua lista dei “100 più grandi cantanti sempre”.
Attraverso questo Box celebrativo, si riesce ad entrare a stretto contatto con tutta la sua capacità musicale che va oltre le solite hits. Sono dischi da ascoltare con molta attenzione perché hanno uno spessore storico e umano molto particolare.

Il Box Set di vinili.

Il Box Set di vinili.

Iniziando da “John Lennon/Plastic Ono Band” (1970) si può percepire la solitudine della coppia al Tittenhurst Park, la loro tenuta di 72 ettari dove decisero di uscire dalla dipendenza all’eroina grazie al metadone e dove Lennon affrontò la divisione non serena dai Beatles, iniziando una collaborazione strettissima con la sua compagna.
Grazie a “Lennon” con il riuscitissimo “Imagine” (1971) si può toccare con mano il manifesto di un’intera generazione ma anche il criticatissimo “Some Time In New York City (2LP)” (1972), un album in cui Lennon cercò di portare in musica tutte le tensioni politico/sociali di quel periodo, non ultimi: gli episodi spiacevoli che lo hanno visto perseguitato dalla CIA.

Terzo disco della serie, “Mind Games” (1973), è famoso per essere stato registrato in poche settimane, quasi in preda diretta, in un periodo di grande acredine verso Yoko Ono; litigi che si trasformarono, a quanto pare, in energia positiva perché questo disco entrò stabilmente nella Top 20 mondiale come sarà anche per il disco seguente “Walls and Bridges” (1974) con la hits “Whatever Gets You Thru the Night”. Due opere fondamentali, che diedero un sigillo riconoscibile alla musica di John Lennon riuscendo finalmente a farlo uscire dal marchio “ex beatles”.
Nel box troverete anche un flop nelle vendite come “Rock ‘n’ Roll” (1975), album che ha generato molteplici leggende metropolitane a riguardo e che ha fatto sparire il rocker britannico dalle scene per cinque anni consecutivi.

La copertina di “John Lennon/Plastic Ono Band” (1970)

La copertina di “John Lennon/Plastic Ono Band” (1970)

Con “Double Fantasy” (1980) si entra invece nelle ultime ore di vita di John Lennon: uscito qualche giorno prima degli spari al Dakota Building di New York è diventato il disco simbolo di un passaggio di testimone fra la musica degli anni Settanta e quella che sarebbe nata dopo. Il box “Lennon” si conclude con l’opera postuma “Milk and Honey” (1984) dove vengono incise le prime versioni postume di materiale inedito di Lennon, masterizzare da Yoko Ono.

Gli LP saranno resi disponibili anche singolarmente dalla fine di agosto. “Lennon” è un opera definitiva non soltanto per quanto riguarda la sua musica ma che va ad esplorare a 360° una delle radici su cui è stato fondato il rock.

Altre notizie su:  John Lennon