Home Musica News Musica

Jay-Z ha parlato di George Floyd con il governatore del Minnesota

Non ha parlato da artista ma da padre e da uomo nero che conosce bene questo genere di cose, e ha chiesto che sia fatta giustizia

Mandatory Credit: Photo by Greg Allen/Invision/AP/Shutterstock (10346227at) Jay-Z makes an announcement of the launch of Dream Chasers record label in joint venture with Roc Nation, at the Roc Nation headquarters, in New York Dream Chasers Record Label Announcement, New York, USA - 23 Jul 2019

Mentre negli Stati Uniti infuriavano le proteste scatenate dalla morte di George Floyd, il governatore del Minnesota Tim Walz ha detto di aver ricevuto domenica una telefonata da Jay-Z, che gli avrebbe detto che, “c’è bisogno che sia fatta giustizia”.

“La scorsa notte ho ricevuto una telefonata – per capire quanto è grande questa cosa – da Jay-Z. Non come artista, ma come padre che vuole che sia fatta giustizia. È stato molto umano… penso sinceramente che in quanto nero conosca bene il dolore viscerale che scatena questa cosa. Le sue parole mi hanno fatto capire che qui bisogna fare giustizia”, ha detto Walz.

A mettere in collegamento il rapper e il governatore sarebbe stato il giornalista della CNN e attivista Van Jones. “Jay-Z mi ha detto che prova compassione e simpatia per queste persone che stanno facendo sentire la loro voce. Sa che il mondo intero ci sta guardando e che il modo in cui il Minnesota gestirà questa cosa avrà un impatto su tutto il paese. È un fatto positivo che qualcuno della sua statura in questo momento sia concentrato su ciò su cui noi tutti siamo concentrati”.

“Dopo la nostra conversazione, ringrazio il governatore Walz perché sta facendo quello che è giusto e ha chiesto al Procuratore Generale Keith Ellison di prendere in mano il caso di George Floyd”, ha detto Jay-Z in una dichiarazione. “Oggi il governatore ha detto di aver avuto una coversazione molto umana con me, in qualità di padre e di uomo nero che sta soffrendo. Sì, sono un essere umano, un padre, un uomo nero e non sono l’unico. Oggi io, insieme a un intero paese, chiedo al Procuratore Generale Keith Ellison di fare la cosa giusta e di processare i responsabili della morte di George Floyd come richiede la legge. Questo è solo il primo passo. Io sono più determinato a comnbattere per la giustizia di quanto lo saranno mai i miei oppressori”.

Questo sabato, anche Beyoncè ha pubblicato su Instagram un video chiedendo giustizia per l’omicidio di Floyd. Mentre i quattro poliziotti presenti al momento della sua morte sono stati licenziati, solo uno – Derek Chauvin, quello che ha tenuto il ginocchio sul collo di Floyd per diversi minuti causandone la morte – è stato arrestato per omicidio.