Home Musica News Musica

Il nuovo disco dei The Good, The Bad & The Queen è ispirato alla Brexit

Il supergruppo di Damon Albarn, Paul Simonon e Simon Tong tornerà dopo 6 anni di assenza

The Good, The Bad, The Queen. Foto: Stampa

The Good, The Bad, The Queen. Foto: Stampa

Questo aprile è decisamente il mese di Damon Albarn. Dopo aver pubblicato diversi nuovi singoli estratti dal nuovo disco dei Gorillaz – potete leggere le nostre impressioni qui -, il compositore ha recentemente rilasciato un’intervista a Q in cui ha raccontato i suoi nuovi progetti: tra questi c’è anche il ritorno di The Good, The Bad & The Queen, il supergruppo formato con Paul Simonon dei Clash, Simon Tong dei Verve e Tony Allen, il batterista di Afrobeat. La band ha debuttato nel 2007 con un disco omonimo.

I quattro musicisti non suonano insieme dal 2011, ma sono al lavoro sulle nuove composizioni da tempo; lo stesso Albarn aveva annunciato la fine della scrittura dei brani nel 2014. Il nuovo disco, a quanto pare, racconterà anche del referendum che ha determinato l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea: «Gli eventi della Brexit sono stati un ottimo punto di partenza», ha detto Albarn durante l’intervista a Q. Al momento il compositore è impegnato nel lancio di Humanz, il party album sulla fine del mondo dei Gorillaz, in uscita il 28 aprile.

Leggi anche