Home Musica News Musica

Il nostro viaggio a Isle of MTV, la notte pop di Malta

Siamo andati alla nona edizione dell'evento che ogni anno raggruppa più di 50,000 persone in piazza Il-Fosos. Ecco com'è andata

Il palco di Isle of MTV Foto:Rene Rossignaud

Il palco di Isle of MTV Foto:Rene Rossignaud

“What happens in Malta stays in Malta”.

È la prima regola da memorizzare appena si atterra sull’isola. Jason Derulo se ne frega: «Cosa faccio per gestire il rapporto con i media e il successo? Trombo un casino», mi dice, seduto su un divano del Grand Hotel Excelsior, «Tra l’altro non l’ho mai detto in una intervista, quindi ti sto dando una sorta di esclusiva». Insomma ora lo sappiamo tutti: è un altro seguace della dottrina della preparazione atletica del grande Noriyuki Haga.

Jason Derulo è l’headliner più atteso di Isle Of MTV, l’evento che da 9 anni fa radunare 50,000 persone in piazza II-Fosos. Caldo, mare, drink e gli artisti che sentite alla radio. Gli elementi per una notte pop in piena regola ci sono tutti, compreso il giallo delle case maltesi che vi faranno evitare di usare qualsiasi filtro Instagram.

Si inizia prestissimo, alle 19, e si va avanti fino alle 24. Sul palco è un susseguirsi di popstar: Tori Kelly (la youtuber che grazie ai social ha ottenuto un contratto con una major) gli Echosmith (i fratelli di Cool Kids che hanno meno di 80 anni in quattro), OMI (quello di Cheerleader, per intenderci) fino ad arrivare al nostro amico Jason che spara tutte le sue hit una dopo l’altra per la gioia del pubblico preparatissimo. Derulo ci tiene però a precisare di non essere solo un hit maker. Nell’ultimo album, il quarto, c’è una collaborazione con Stevie Wonder. L’ha incontrato alla Casa Bianca e gli ha chiesto di fare un pezzo insieme. Stevie gli ha detto: «Ok, vengo a registrare qualcosa ma se poi quando lo sento in radio non ci sono, ti faccio il culo!». Cose di tutti i giorni.

Jason Derulo sul palco di Isle of MTV - Ph: Rene Rossignaud

Jason Derulo sul palco di Isle of MTV – Ph: Rene Rossignaud

Per il gran finale invece c’è Martin Garrix, il 19 enne olandese quarto nella classifica dei migliori 100 di DJ Mag. Parte Animals e la piazza esplode.

Martin Garrix - Ph: Rene Rossignaud

Martin Garrix – Ph: Rene Rossignaud

Il concerto è arrivato alla fine, quasi 5 ore di pop-celebration tra teenager urlanti, selfie e qualche drink di troppo.

Per me però non è ancora finita: mi ritrovo su un bus verso l’afterparty, di cui potrei scrivere ancora tantissimo. Ma non lo farò. Perché? Leggere la prima riga.

(Ps: se non c’eravate potrete vederlo in televisione su MTV Music, canale 67 del digitale, il 3 agosto alle 22)

Leggi anche