Home Musica News Musica

Il lungo pellegrinaggio verso Calcutta: l’uomo che sussurrava ai sold-out

Esclusi a centinaia, venerdì sera, dal concerto tutto esaurito al Covo Club di Bologna, dove i fan hanno intonato "Gaetano", "Frosinone" e gli altri brani dell’album "Mainstream"

In pellegrinaggio verso il Covo Club di Bologna - Foto di Daniele

In pellegrinaggio verso il Covo Club di Bologna - Foto di Daniele

Quel che piace (o non piace) di Calcutta è che riesce a far sfumare i contorni delle definizioni a cui è confortante aggrapparsi. È uno che scrive canzoni su Pomezia e Walter Nudo, sul fatto che mangia la pizza di notte e disegna svastiche per litigare. È uno divertente ma non demenziale: ha il coraggio di chiamare il suo album Mainstream, senza infiocchettarlo con testi sociologici o velleità intellettuali, fa canzoni pop ma suona nel circuito indie; uno che vende sciarpe al posto delle magliette, e arriva sul palco del Covo Club di Bologna dopo essersi esibito in acustico un mese prima davanti al negozio di un pakistano.
E quando la fila per pagare il biglietto è lunga quanto quella per gli XX o i Franz Ferdinand, il motivo per cui Calcutta vada snobbato per forza rimane in tasca a quei 300 che non ce l’hanno fatta a vederlo gridare sul palco per farsi sentire tra i cori invasati dei suoi fan.

L’impressione è quella di essere finiti improvvisamente in un piccolissimo stadio mentre Vasco Rossi intona Liberi Liberi, ma qui si cantano a squarciagola Frosinone e Gaetano; si alzano le braccia al cielo quando il 26enne di Latina invita sul palco una ragazza «di Peschiera del Garda» per lasciarle intonare Le Barche, si oscilla su Cosa mi manchi a fare e infine ci si accalca davanti ai camerini per strappare una foto, due parole, un autografo. L’entusiasmo magari è un po’ eccessivo, ma racconta la voglia di canzoni dal ritmo docile e dalla melodia pop, comunque confezionate ed eseguite magistralmente da musicisti che sanno perfettamente quel che stanno facendo.

Il tour, con molte date raddoppiate per accontentare le tantissime richieste di biglietti, farà tappa anche all’Alcatraz di Milano il 21 febbraio e all’Atlantico di Roma il 23, in compagnia de I Cani. Per informazioni chiedete a DNA Concerti  o a Facebook.

Le altre date del tour:
22 gennaio 2016 Firenze tender:club
23 gennaio 2016 Comunanza (AP) P.A.R.C.A.
28 gennaio 2016 Monopoli (BA) Dirockato Monopoli Winter
29 gennaio 2016 Terlizzi (BA) MAT laboratorio urbano
30 gennaio 2016 Guagnano (LE) Arci Rubik
19 febbraio 2016 Napoli Lanificio 25
20 febbraio 2016 Padova Mame club
21 febbraio 2016 Alcatraz – Milano w/ ICani LaBand
23 febbraio 2016 ATLANTICO LIVE! w/ I Cani
04 marzo 2016 Frosinone Affekt Club
05 marzo 2016 Viterbo Al settantasette
10 marzo 2016 Lugano (CH) Teatro – Studio Foce
11 marzo 2016 Brescia LIO BAR
12 marzo 2016 Carpi (MO) Mattatoio Culture Club
18 marzo 2016 Torino sPAZIO211
19 marzo 2016 Pavia Spaziomusica Pavia
25 marzo 2016 Benevento MORGANA Music Club
26 marzo 2016 Cosenza RDO Ragazzi Di Oggi
27 marzo 2016 Messina Retronouveau

Leggi anche