Home Musica News Musica

Il CEO di Spotify ha appena fatto incazzare un sacco di musicisti

Secondo Daniel Ek, CEO di Spotify, "non è abbastanza fare un disco ogni 3-4 anni". Secondo molti musicisti, dice così perché non capisce la differenza tra un'opera d'arte e un semplice prodotto

Daniel Ek, fondatore e CEO di Spotify. Foto: Antoine Antoniol/Getty Images

Come riporta NME, in un’intervista uscita settimana scorsa, il CEO di Spotify Daniel Ek ha detto che per gli artisti “non è abbastanza fare un disco ogni 3-4 anni”. Da quando questo commento è uscito, intorno a lui e alla sua azienda si è scatenato un polverone, con un sacco di musicisti che l’hanno accusato di sminuire il loro lavoro. 

 

“Sono stanca di dover leccare il culo di queste aziende che sfruttano me e gli altri musicisti”, ha commentato Nadine Shah, chiedendo a tutta la comunità musicale, fan inclusi, di unirsi nel chiedere un cambiamento.
 
I suoi commenti sono stati ripresi da diversi colleghi, a partire da Jack Garratt, secondo cui “non puoi chiedere così tanto agli artisti e farli lavorare finché non sono esauasti e poi dirgli anche che non stanno facendo abbastanza musica per soddisfare il tuo business model. Io mi sono preso tutto il tempo necessario per fare il mio secondo album. E lo rifarei se dovessi”.

Anche secondo Zola Jesus il modello di business che Ek vorrebbe non è efficace per produrre buona musica. “È chiaro che il miliardario di Spotify Daniel Ek non ha mai fatto musica o arte o niente del genere. Non capisce che c’è una differenza tra un prodotto e un’opera d’arte”.