Home Musica News Musica

Iggy Pop, il nuovo video ‘The Pure and the Damned’

Il nuovo brano dell'Iguana realizzato insieme a Oneohtrix Point Never fa parte della colonna sonora del nuovo film con Robert Pattinson, protagonista della clip

Un Iggy Pop in versione computerizzata è il protagonista, insieme alla star di Hollywood Robert Pattinson, del nuovo video realizzato per The Pure and the Damned, il brano realizzato dall’ex-Stooges insieme a Oneohtrix Point Never, producer inglese fra i più interessanti della scena elettronica internazionale.

La collaborazione fra Iggy e OPN è parte della colonna sonora realizzata dal producer per Good Time, il nuovo film dei Safdie Brothers in cui, nei panni del protagonista, recita proprio Robert Pattinson. Agli stessi Safdie Brothers, inoltre, è stata affidata la regia del video con tanto di cameo per Benny Safdie.

Nella clip si vede un Iggy Pop realizzato al computer – ovviamente senza maglietta – mentre canta l’inquietante piano ballad seduto sul letto al fianco di Pattinson. La star del punk in versione animata assiste poi al momento in cui Pattinson cerca, con la forza, di fare ingoiare a Safdie un misterioso oggetto.

The Pure and the Damned assume toni sempre più oscuri, mentre i synth analogici di Oneohtrix Point Never entrano in scena mentre Pattinson, trovatosi faccia a faccia con un lupo, prima pensa di ucciderlo con la spada che tiene fra le mani per poi aver compassione dell’animale e risparmiarlo, in una scena ricca di melodramma con cui si chiude la clip, con un ultimo primo piano su Iggy Pop.

La collaborazione tra Iggy e OPN è solo l’ultima fra le tante che hanno costellato la carriera dell’icona punk – dal mitico album berlinese con David Bowie fino all’inaspettato lavoro con Ryūichi Sakamoto – mentre è targato 2016 Post Pop Depression, l’album in cui la voce degli Stooges ha collaborato con Josh Homme e i suoi Queens Of The Stone Age, freschi di pubblicazione con il nuovo album danzereccio Villains, realizzato insieme al producer – fra gli altri – di Bruno Mars e Amy Winehouse, Mark Ronson.

Leggi anche