Home Musica News Musica

I Pearl Jam hanno rinviato le date americane del tour

"Il rischio per il nostro pubblico e per le comunità è troppo alto", ha scritto la band in una nota

Eddie Vedder

Foto: Invision/AP/Shutterstock

I Pearl Jam hanno rinviato tutte le date americane di Gigaton a causa della diffusione del coronavirus. Il tour avrebbe dovuto iniziare il 18 marzo alla Scotiabank Arena di Toronto e concludersi il 19 aprile alla Oakland Arena di Oakland, in California.

“Abbiamo lavorato duramente con tutti i nostri dirigenti e collaboratori per trovare altre soluzioni o opzioni, ma il rischio per il nostro pubblico e per le comunità è troppo alto per essere tranquilli”, ha scritto la band in una nota. “Aggiungeteci che abbiamo anche un gruppo assolutamente unico di fan appassionati che viaggiano in lungo e in largo. Ne siamo onorati e rispettiamo la loro energia e la loro devozione. Ma, in questo caso, è meglio evitare di mettersi in viaggio”.

“Certamente non ha aiutato il fatto che non ci siano stati messaggi chiari del nostro governo in merito alla sicurezza delle persone e alla nostra capacità di andare al lavoro”, sottolineano i Pearl Jam. “Non avendo esempi della capacità del nostro dipartimento sanitario nazionale di gestire la situazione, non abbiamo motivo di credere che tutto sarà sotto controllo nelle prossime settimane”.

Al momento le date europee in estate sono ancora in programma, ma è possibile che anche quelle vengano rimandate.

“Non auguriamo a nessuno quello che stiamo vedendo qui a Seattle”, ha scritto la band. “Ci auguriamo per il resto del Paese che si possano evitare i terribili effetti negativi di tutto ciò e che si mantenga il senso di comunità, del prendersi cura l’uno dell’altro. Così come non vediamo l’ora di fare ai nostri prossimi concerti: la possibilità di riunirci e suonare canzoni ad alto volume con la stessa energia di sempre. Ci dispiace moltissimo… E siamo davvero sconvolti… Se qualcuno là fuori prova lo stesso dopo questa notizia, condividiamo quel sentimento con voi”.

Ecco il messaggio completo della band sui social.

Altre notizie su:  Pearl Jam