Guns ‘N Roses, sorprese per il compleanno di ‘Appetite for Destruction’

Londra si è riempita di poster con la line-up originale del classico del 1987. Cosa stanno per annunciare Axl Rose e il resto della band?
Guns N' Roses sul palco di Imola. Foto di Giuseppe Craca

Guns N' Roses sul palco di Imola. Foto di Giuseppe Craca


Buone notizie per i fan dei Guns ‘N Roses. Sembra proprio che la band non abbia nessuna intenzione di ignorare il 31esimo anniversario dell’uscita di Appetite for Destruction. I fan si sono scatenati dopo l’apparizione londinese di una serie di poster – che trovate nel tweet poco sotto -, tutti dedicati alla lineup del classico del 1987 con in scaletta Welcome to the Jungle, Paradise City e Sweet Child o’ Mine.

Poi il sito ufficiale della band, che da qualche ora si apre con la scritta ‘DESTRUCTION IS COMING‘, la foto di una mappa e un countdown, come potete vedere poco sotto.

Secondo i fan più esaltati l’annuncio potrebbe addirittura essere un tour con la line-up originale, nonostante le recenti dichiarazioni del fratello di Steven Adler – «i Guns N’Roses? gente avida e senza cuore». Prima di scoprire la verità sul futuro del gruppo, però, ci sarà da aspettare ancora un po’.

AGGIORNAMENTO: Il countdown sul sito ufficiale dei Guns non si è ancora concluso, ma parte del mistero è stato svelato. Sul canale YouTube della band è apparso un video unboxing – poi rimosso – dedicato a una nuova edizione deluxe di Appetite for Destruction: l’album è stato rimasterizzato, e arriverà insieme a un EP di B-side, 25 registrazioni delle session del 1986 ai Sound City Studios, e infine una versione del Live ?!*@ Like a Suicide. 73 tracce (di cui 49 mai pubblicate prima) suddivise in 4 cd (o addirittura 12 vinili) e accompagnate da un libretto di 96 pagine contenenti fotografie inedite recuperate dall’archivio personale di Axl Rose e 12 illustrazioni dedicate ai brani di Appetite for Destruction. Qui sotto le prime immagini.

Probabilmente l’annuncio non si limiterà a una nuova uscita, soprattutto considerando l’enorme mappa che fa da sfondo all’home page del sito.

Leggi anche: