Home Musica News Musica

I Beatles stavano discutendo di un nuovo disco dopo ‘Abbey Road’?

Il biografo Mark Lewisohn ha rivelato che esiste un audio del 1969 in cui Lennon, McCartney e Harrison parlano della registrazione di un nuovo album

I Beatles nel febbraio del 1968

Foto: Shutterstock

In una registrazione del 1969 appena ritrovata, i Beatles discutono piani per un seguito al loro ultimo disco Abbey Road, una rivelazione che sposta la narrazione canonica delle sessioni di registrazione di quell’album e la rottura della band.

Il nastro – che risale all’8 settembre 1969, due settimane prima dell’uscita di Abbey Road – presenta una conversazione tra John Lennon, Paul McCartney e George Harrison alla sede Apple di Savile Row a Londra. Con Ringo Starr ricoverato in ospedale e sottoposto a test per problemi intestinali, i suoi compagni parlano della registrazione di un altro album e di un potenziale singolo per il mercato natalizio.

“Ringo, visto che non puoi essere qui, in questo modo puoi sentire quello di cui stiamo discutendo”, dice Lennon nell’audio, che il più importante biografo dei Beatles Mark Lewisohn ha fatto ascoltare al Guardian. Il cantante propone che ogni autore – Lennon, McCartney e Harrison – contribuisca con quattro brani ciascuno al loro prossimo disco; a Starr vengono assegnati due pezzi “se li vuole”. Fa anche riferimento al “mito di Lennon e McCartney”, probabilmente discutendo se la coppia avrebbe dovuto concludere la lunga collaborazione sulla carta e accreditare le canzoni individualmente.

In risposta, McCartney contesta l’idea che Harrison abbia lo stesso peso nella composizione di canzoni. “Fino a questo album ho pensato che le canzoni di George non fossero così belle”, dice durante la registrazione. Harrison –che ha contribuito con due dei suoi brani più iconici, Something e Here Comes the Sun, ad Abbey Road – risponde “È una questione di gusti. In fondo, alla gente sono piaciute le mie canzoni”.

Lennon nota che nessun altro nella band ha sostenuto la strana traccia di Abbey Road di McCartney Maxwell’s Silver Hammer e sostiene che il compagno di band dovrebbe donare materiale simile ad altri, inclusa l’artista folk gallese Mary Hopkin. McCartney sostiene di aver registrato la canzone “perché [gli] è piaciuta”.

Lewisohn – che ha scritto numerosi libri sui Beatles, incluso l’acclamato tomo del 1988 The Complete Beatles Recording Sessions: The Official Story of the Abbey Road Years – utilizzerà l’audio nel suo prossimo spettacolo teatrale Hornsey Road, che traccia la corsa finale della band usando nastri, film , fotografie, cimeli e nuovi mix audio.

Come ha detto Lewisohn al Guardian, la registrazione contrasta con la visione tradizionale secondo cui i Beatles registrarono Abbey Road come canto del cigno dopo le famigerate sessioni di Let It Be. “È una rivelazione”, ha detto. “I libri ci hanno sempre fatto pensare che Abbey Road fosse il loro ultimo album e che volessero ritirarsi. Ma no – qui stanno discutendo del prossimo disco. Tutti pensano che John sia quello che voleva la separazione, ma quando senti la registrazione, capisci che non è così. Non riscrive praticamente tutto ciò che pensavamo di sapere?”.

Leggi anche