Home Musica News Musica

Gucci Mane, Travis Scott & Quavo: fenomeni dell’hype

'El Gato: The Human Glacier' e 'Huncho Jack, Jack Huncho' sono dischi spaventosi, due fucilate definitive all'anno appena passato.

Iniziamo l’anno con due dischi spaventosi, almeno per quanto riguarda l’hype. Non soltanto perché chi li ha fatti naviga in un oceano di attenzione — forse venerazione — ma soprattutto per il lungo teasing perpetrato da mesi. Gucci Mane ha iniziato a parlare di El Gato: The Human Glacier già a ottobre, seminando qua e là indizi per i 7,2 milioni di follower su Instagram.

Poi finalmente il 22 dicembre è arrivato, e non dico tutti ma buona parte dei suddetti follower ha potuto così avere conferma di tutte le cose che già si sanno di Gucci Mane. È il vero padre della trap, è uno dei più grandi parolieri della scena di Atlanta — il suo è un linguaggio minimale, con un registro che va dallo slang delle strade ai termini più aulici — e poi è il migliore esempio di imprenditore di sé stesso. Prolifico e deciso, Gucci ha preso il 2017 come un punching ball, facendo uscire in tutto tre album e accompagnando all’altare la sua storica fidanzata Keyshia.

Cos’ha quindi El Gato: The Human Glacier che gli altri due fratelli, Mr. Davis e Droptopwop non hanno? Prima di tutto, non ci sono featuring. Cosa che lo fa assomigliare molto a un mixtape, non fosse che non è autoprodotto, è uscito per una major e soprattutto non serve a posizionare Gucci nella scena. El Gato è solo un ennesimo esercizio di stile di Gucci, la dimostrazione di forza di chi forza ne ha già dimostrata a sufficienza — nato da famiglia disastrata, trasferito ad Atlanta a 9 anni, iniziato a spacciare a 13, in carcere per svariate volte e che ora ha messo in vendita un’autobiografia incredibile.

Se però El Gato è una raccolta di fucilate trap con un solo attore (hit: Peepin’ out the Blinds, Side EFX), lo stesso non si può dire per il vero fenomeno hype a cavallo fra ‘17 e ‘18. Immaginiamo cosa deve aver pensato il trap kid generico quando, ad aprile dell’anno scorso, Travis Scott e Quavo hanno annunciato un album collaborativo. L’erede legittimo di Kanye West e il boss dei Migos che non solo uniscono le forze ma rinunciano ai loro rispettivi nomi per crearne uno nuovo: Huncho Jack. E se si sono scomodati a cercare un nuovo moniker per definire il duo, è probabile che Huncho Jack, Jack Huncho possa avere un seguito. Pezzi degni di menzione? Non ce ne sono. Nel senso che lo sono tutti.

Leggi anche