Home Musica News Musica

Greta Van Fleet, giovani Zeppelin crescono

Chitarre, hit e l’amore di Elton John. La band ha una missione importante: far amare ancora il rock ai 20enni di oggi.

L’estate scorsa, i Greta Van Fleet stavano per scatenare la loro furia durante un live in una radio di Chicago quando il cantante Josh Kiszka si è piegato per prendere il tamburello e ha fatto cadere di tasca una cascata di pillole colorate. «Mi hanno guardato tutti», dice il 21enne. Ma Josh non era coinvolto in nessun traffico di droghe. Erano multivitaminici.

È stato un momento davvero rock, perfetto per questo quartetto che ha iniziato a farsi le ossa sei anni fa suonando cover nei bar di motociclisti del Michigan quando non avevano nemmeno l’età per bere. Il loro suono è pura spavalderia ’70 – uno sguardo indietro elettrizzante in un momento in cui la maggior parte delle band vira verso un electro-pop-hip-hop – con un piglio più hippie che edonista. Anche mentre registrano il loro primo album (in uscita a fine estate, ndt), preferiscono le scampagnate nei boschi di Nashville alle feste notturne.

Josh e il suo gemello Jake (chitarra) sono i più anziani del gruppo, mentre il loro fratello Sam (basso e tastiere) e il batterista Danny Wagner hanno entrambi 19 anni. Quando Josh e Jake avevano 15 anni e Sam 12, hanno iniziato a girare per la loro città di Frankenmuth, Michigan, rifinendo il loro suono blues, studiando i tre King (B.B., Albert e Freddie), e i loro discepoli, Jimmy Page ed Eric Clapton.

L’anno scorso, il singolo Highway Tune è finito in cima alle classifiche modern rock e ha conquistato fan come Elton John, che ha chiesto alla band di suonare al suo party per gli Oscar. «Ci ha detto, “Siete probabilmente il miglior rock&roll che abbia sentito negli ultimi 20 anni”», dice Sam.

Ma il più grande successo della band è stato anche il più difficile da prevedere: far tornare il rock & roll figo per un pubblico più giovane. Mentre i loro concerti sono frequentati anche da vecchi fan degli Zeppelin, stanno anche aumentando i ragazzi della stessa età della band. «Il rock per noi è una liberazione. Un ricordo del fatto che siamo esseri umani con una voce», dice Josh. «Ma non voglio che le persone pensino al rock & roll di merda che c’è adesso».

«Tutta la musica moderna a cui siamo esposti è solo roba da radio, e non lo sopporto», dice Jake. «Ma una volta che inizi a scavare, c’è della roba proprio buona in giro». E la “roba buona” sa evocare Willie Dixon, Howlin’ Wolf e Led Zeppelin – tutti riferimenti che i Greta Van Fleet inseriranno nel loro album di debutto, in corso di registrazione tra Nashville e Detroit. Gran parte degli show estivi sono già sold-out, con i fan che non vedono l’ora di sventolare la bandiera del guitar rock e dell’unità, in un’America divisa. Come dice Sam: «C’è tanto odio cieco lì fuori, ma il rock & roll è il modo migliore per conoscersi l’uno con l’altro».

Leggi anche