Home Musica News Musica

Great White, concerto in North Dakota senza distanziamento né mascherine

La band, già al centro dell'incendio mortale del nightclub The Station nel 2003, si è "scusata con coloro che non sono d'accordo con la nostra decisione di adempiere al nostro impegno contrattuale" dopo l'evento di giovedì

I Great White, la rock band al centro di uno degli incendi di locali notturni più mortali nella storia degli Stati Uniti, ha messo di nuovo a rischio i fan giovedì esibendosi – nel bel mezzo della pandemia – in un concerto pieno di gente in Nord Dakota. Senza nessun tipo di distanzamento sociale o mascherina.

Il video dell’evento all’aperto mostra centinaia di fan in piedi spalla a spalla sotto il palco – nonostante le raccomandazioni degli ufficiali sanitari di tenere un metro di distanza – senza dispositivi di protezione. L’evento si è tenuto nell’ambito di First on First: Dickinson Summer Nights.

Dopo che la notizia è apparsa sui social media, i Great White hanno rilasciato una dichiarazione (via Blabbermouth) in cui la band si è rivolta “a coloro che non sono d’accordo con la nostra decisione di adempiere al nostro accordo contrattuale. Comprendiamo che ci sono alcune persone che sono arrabbiate per questo show, durante un periodo così difficile. Vi assicuriamo che abbiamo lavorato con il promoter. L’amministrazione del Nord Dakota raccomanda di indossare mascherine, ma non siamo in grado di far rispettare le leggi”, hanno affermato i Great White in una nota.

“Con il senno di poi vorremmo scusarci con coloro che non sono d’accordo con la nostra decisione di tenere fede al nostro contratto. Il promoter e il personale sono professionisti e ci avevano tranquillizzato su tutte le precauzioni di sicurezza. Il nostro intento era semplicemente quello di esibirci in un concerto, all’aperto, in cittadina molto accogliente”. La band ha aggiunto: “Teniamo molto alla salute e alla sicurezza di ognuno dei nostri fan, così come della comunità americana e globale. Non siamo perfetti”.

Il coordinatore degli eventi di First On First: Dickinson Summer Nights April Getz ha riferito alla Dickinson Press (via Blabbermouth) del piano della città di tenere concerti nonostante il coronavirus, “Non abbiamo restrizioni, che ci crediate o no, non ne abbiamo. Immagino sia uno dei primi eventi quest’anno che non è stato cancellato ed è stato approvato dalla città; ne siamo tutti molto, molto entusiasti… È una di quelle circostanze in cui se le persone si sentono a proprio agio nel venire qui, mescolarsi e stare insieme, è una loro scelta personale. La lasciamo nelle mani di chi sceglie di partecipare”. Nello stato ci sono stati un totale di oltre 4.200 casi confermati di COVID-19 dall’inizio della pandemia.

I Great White, che allora si esibivano con il nome di Jack Russell’s Great White, erano sul palco al momento dell’incendio del nightclub The Station nel febbraio 2003 a West Warwick, nel Rhode Island, che uccise 100 persone tra cui il chitarrista della band Ty Longley. Tutto è iniziato quando i giochi pirotecnici del gruppo hanno dato fuoco al soffitto di espanso del locale, diffondendosi rapidamente ovunque. Oltre 200 persone sono rimaste ferite.

Dopo l’incendio, i Great White si sono divisi in due fazioni, una guidata dal cantante Jack Russell e un’altra dal chitarrista fondatore Mark Kendall; quest’ultimo è l’unico membro del gruppo a essersi esibito sia allo Station che al concerto in North Dakota di giovedì.

Variety osserva che il prossimo spettacolo di Great White è in programma il 7 agosto a Fort Madison, il festival Riverfest FM dello Iowa, che “sta accadendo assolutamente” nonostante la pandemia. “Con tutta l’incertezza, sarebbe stato facile gettare la spugna quest’anno, ma crediamo fermamente che” Se lo dondoliamo, verranno “e ragazzo, abbiamo una line-up che è pronta a fai proprio questo ”, ha scritto il fest su Facebook.

Leggi anche