Home Musica News Musica

Gli eredi di Michael Jackson non dovranno più pagare a Quincy Jones 6,9 milioni di dollari

La corte d'appello ha annullato gran parte del verdetto della giuria del 2017 sulle royalties, sostenendo che il giudice aveva permesso un'interpretazione erronea del contratto del produttore

Michael Jackson e Quincy Jones ai Grammy del 1994

Foto: Chris Walter/WireImage

Martedì la corte d’appello ha stabilito che gli eredi di Michael Jackson non devono pagare $ 6,9 milioni in royalties e commissioni a Quincy Jones. I giudici hanno annullato gran parte del verdetto della giuria del 2017, scoprendo che chi presiedeva il processo aveva permesso un’interpretazione erronea del contratto di Jones.

I suoi avvocati sostenevano che il produttore avesse diritto a circa $ 30 milioni in royalties e altre entrate derivate dal film-concerto This Is It, da due spettacoli del Cirque du Soleil e da altro in seguito alla morte di Jackson nel 2009. Dopo due-settimane di tribunale, i giurati avevano deciso che a Jones sarebbero spettati $ 9,4 milioni.

Ma martedì, la corte d’appello ha rivisto la questione, decretando che il giudice Michael L. Stern aveva commesso un errore perché non aveva interpretato lui stesso il contratto e aveva invece lasciato l’onere ai giurati.

Dopo la morte di Jackson, i suoi eredi hanno negoziato una quota maggiore di profitti attraverso una joint venture con Sony, passando dal 50% ai due terzi. Gli avvocati di Jones avevano sostenuto al processo che gli fosse dovuto, in base al contratto del produttore, un aumento proporzionale dei diritti d’autore. La giuria aveva accettato, concedendo a Jones $ 5,3 milioni di utili in joint venture.

Ma ora la corte d’appello ha stabilito che i contratti di produzione di Jones non gli danno diritto a quell’aumento.

“Il linguaggio della sezione 4 (a) non può essere piegato: il tasso delle royalties di Jones non cresce proporzionalmente se il tasso delle royalties di Jackson aumentasse”, ha scritto il giudice Judith Ashmann-Gerst, a fronte di un verdetto unanime.

Il tribunale ha anche liberato un premio di $ 1,6 milioni in commissioni di remix, che secondo Jones gli spettava. Il contratto gli dava diritto di veto sui remix dei suoi album di Jackson, cosa che non gli era concessa. Ma i giudici hanno ritenuto che dovesse essere pagato per il remix di lavori che non ha eseguito.

“L’unico risarcimento che Jones aveva diritto a ricevere erano i canoni delle vendite dei dischi sui remix e le prove indicano che li aveva ricevuti”, ha scritto Ashmann-Gerst. “Se voleva profitti sui remix, doveva negoziarli in accordi separati”.

Il tribunale ha invece confermato che gli eredi di Jackson devono $ 2,6 milioni assegnati a Jones per licenze non pagate da This Is It, costi e altri interessi.

Leggi anche