Home Musica News Musica

Gli Eagles of Death Metal stanno lavorando a un documentario sui fatti del Bataclan

Sarà Colin Hanks a dirigere "'Eagles of Death Metal: Nos Amis (Our Friends)". Ill film verrà distribuito da HBO a febbraio

Jesse Huges e Josh Homme degli Eagles Of Death Metal

Jesse Huges e Josh Homme degli Eagles Of Death Metal

Eagles of Death Metal racconteranno dell’orrore e della guarigione dai traumi dovuti all’attacco terroristico del novembre 2015 a Parigi in un documentario della HBO diretto da Colin Hanks. Il film, Eagles of Death Metal: Nos Amis (Our Friends), debutterà in tv a febbraio con una colonna sonora di tutto rispetto composta da Alain Johannes, collaboratore di vecchia data dei Queens of the Stone Age.

Il 13 novembre scorso, i terroristi hanno ucciso 89 persone durante il concerto della band al Bataclan. Ma gli Eagles of Death Metal sono tornati a suonare a Parigi prestissimo, il 16 febbraio del 2016. Il documentario parte dell’attacco di Parigi per poi esplorare il legame di lunga data tra Jesse Hughes e Josh Homme, co-fondatore degli EoDM e mente dei Queens of the Stone Age. In Nos Amis compaiono anche Bono e The Edge degli U2 che hanno supportato la band accogliendola sul palco durante il loro primo concerto a Parigi dopo gli attentati.

Il regista è entrato in contatto con Eagles of Death Metal sette anni fa lavorando con la band al suo primo documentario, 2015 di Tower Records, nascita e caduta di un mito. Al progetto, dedicato alla storia malata dell’impero fondato da Russ Solomon, avevano contribuito anche anche Dave Grohl, Elton John e Bruce Springsteen.

Jesse Hughes, Eden Galindo, Matt McJunkins e il batterista Julian Dorio hanno raccontato pochi giorni dopo e ancora sotto shock i momenti concitati dell’attacco, mentre cercavano di ripararsi dai terroristi, in un’intervista esclusiva concessa a Vice. «Gli attacchi terroristici insensati e violenti del 13 novembre a Parigi ci hanno lasciati del tutto instabili, non abbiamo intenzione di dare un solo secondo del nostro tempo prezioso a coloro che hanno cercato di privarci delle nostre libertà e portarci via il nostro potere» Ha dichiarato in seguito Homme. «Continuiamo invece a chiedere il vostro supporto all’iniziativa Play It Forward» sostenuta anche da Duran Duran, My Morning Jacket, Savages e tanti altri.

Leggi anche