Home Musica News Musica

Flashback: Tom Petty suona ‘Shadow of a Doubt’ nel 1980

Nel giorno del suo compleanno, riascoltiamo la storica performance del brano estratto da ‘Damn the Torpedoes’

Il 6 giugno 1980 Tom Petty e gli Heartbreakers arrivarono a Hollywood per suonare in una piccola trasmissione televisiva, il varietà Fridays. Prima di iniziare con la classica American Girl, direttamente dal loro debutto del 1976, la band ha suonato Shadow of a Doubt (A Complex Kid), un brano estratto di quello che all’epoca era il loro nuovo album, Damn the Torpedoes.

Nel video poco sopra, Petty, vestito in stile New Wave, canta di una donna imprevedibile che odia il suo capo. Il resto del gruppo – il chitarrista Mike Campbell, il batterista Stan Lynch, il bassista Ron Blail e il tastierista Benmont Tench – lo accompagna energicamente, e Lynch canta anche i cori.

Pubblicato 40 anni fa, Damn the Torpedoes è stato il più grande successo del gruppo, e rimase 9 settimane al secondo posto in classifica, superato solo da The Wall dei Pink Floyd. Tuttavia, la gestazione dell’album fu piuttosto complicata. Petty, infatti, dovette gestire una difficile causa legale legata all’acquisizione della sua etichetta Shelter Records. “Pensavo ci avessero venduto come buste della spesa, o maiale congelato”, ha detto nel documentario Runnin’ Down a Dream. Petty dichiarò bancarotta e poi trovò un accordo con gli acquirenti: la sua band firmò per l’etichetta Backstreet Records, legata a MCA, e gli fu garantita un’indipendenza creativa totale.

Il gruppo, però, non poteva registrare nuova musica durante la causa, così i nastri di Torpedoes rimasero nascosti nella macchina del manager Elliot Roberts. Prodotto da Jimmy Iovine, che all’epoca aveva appena registrato il suo primo successo con Because the Night di Patti Smith, il titolo dell’album è dedicato alle disavventure legali vissute da Petty e il resto del gruppo.

“Non abbiamo deciso consapevolmente di fare un album su quella esperienza”, ha detto Betty nel 1980. “Ma sapevamo che sarebbe successo comunque. Ci avevano messo all’angolo, e l’ultima cosa che puoi fare per restare sano di mente è scrivere canzoni. Volevo presentare l’album come una collezione di canzoni d’amore – e non di giurisprudenza –, e se c’è una cosa che so sulla musica, è che se non credi a cosa dice il cantante, la canzone ha fallito”.

Sfortunatamente, la relazione tra Petty e la MCA sarebbe peggiorata ancora nel 1981, quando l’etichetta cercò di vendere Hard Promises con un prezzo “da superstar”. All’epoca, però, Petty era felice che l’agonia fosse finita. “Penso ancora a quel periodo con amarezza”, disse a Mikal Gilmore. “Tutte quelle notti insonni, seduto nella mia casa a domandarmi che senso avesse la mia vita… Stavo andando fuori di testa. Non mi era mai successo prima, e mi rifiuto di farlo succedere ancora”.

Leggi anche