Home Musica News Musica

È morta Mary Wilson delle Supremes

Insieme a Diana Ross e Florence Ballard ha registrato successi come 'Where Did Our Love Go?' e 'Stop! In the Name of Love'. Aveva 76 anni

Photo by Theo Wargo/WireImage)

Mary Wilson during Miramax Films Presents "Only The Strong Survive" Arrivals and After Party at BB Kings in New York City, New York, United States. (Photo by Theo Wargo/WireImage)

Mary Wilson, fondatrice delle Supremes, è morta lunedì nella sua casa di Henderson, Nevada. Aveva 76 anni.

La morte è stata confermata dal pubblicista della Wilson, che però non ha comunicato le cause. Con le Supremes, insieme a Diana Ross e Florence Ballard, ha pubblicato canzoni di successo come Where Did Our Love Go?, Baby Love, Come See About Me e Stop! In the Name of Love dal 1964 al 1965.

Barry Gordy, fondatore della Motown Records, ha espresso la sua tristezza: «Sono rimasto scioccato dalla scomparsa di Mary Wilson», ha detto in un comunicato. «Le Supremes sono sempre le ‘sweethearts of Motown’.Dopo una serie senza precedenti di successi al numero uno, hanno aperto la strada a molti artisti dopo di loro. Sono sempre stato orgoglioso di Mary. Era una star a tutti gli effetti e nel corso degli anni ha continuato a lavorare duramente per promuovere l’eredità delle Supremes. Mary Wilson era speciale per me. Era una pioniera, una diva e ci mancherà profondamente».

La Wilson è apparsa su tutti e 12 i successi pop n. 1 delle Supremes dal 1964 al 1969; durante questo periodo, il trio ha registrato un totale di 16 singoli finiti in Top 10. Nel 2019 Mary aveva partecipato a Dancing with the stars, oltre ad aver pubblicato il suo quarto libro, Supreme Glamour.

Secondo quanto riportato da Variety, Mary ha pubblicato un video sul suo canale YouTube due giorni prima della sua morte, annunciando che era al lavoro con Universal Music per pubblicare materiale da solista, compreso l’album inedito Red Hot,registrato negli anni ’70 con il produttore Gus Dudgeon.

«Speriamo che qualcosa esca per il mio compleanno, il 6 marzo», dice detto nel video.