Home Musica News Musica

È in arrivo un nuovo album da solista di Robby Krieger dei Doors

Si chiama 'The Ritual Begins at Sundown' ed è stato influenzato da Frank Zappa e dal jazz

Foto: Harmony Gerber/Getty Images

Robby Krieger dei Doors pubblicherà il suo primo album da solista da 10 anni a questa parte: The Ritual Begins at Sundown uscirà in primavera. In vista dell’arrivo dell’LP, il chitarrista ha anche condiviso il primo singolo, The Drift.

Il nuovo progetto di Krieger dopo Singularity del 2010 è stato influenzato da un’altra icona del classic rock, Frank Zappa: il disco è stato co-scritto e prodotto dal collaboratore di Zappa Arthur Barrow, con altri ex di Zappa nella band, e vanta anche una cover di Chunga’s Revenge nella tracklist.

“Ero in giro con il mio amico Arthur Barrow e ci stavamo divertendo con alcune canzoni, poi abbiamo coinvolto altri amici”, ha dichiarato Krieger a proposito dell’album.

The Ritual Begins at Sundown è fortemente radicato anche nell’amore di Krieger per la musica jazz. “Quando ho scritto canzoni per i Doors, partivo sempre dalla musica. Penso serva una certa abilità musicale per capire veramente il jazz”, ha detto Krieger. “Quando ero giovane, non lo capivo davvero. Mi ci è voluto un po’. Andavo nei club John Densmore – prima dei Doors – per apprezzare davvero il jazz. Andavamo a vedere Wes Montgomery, Roland Kirk, Miles Davis, cose del genere”.

Krieger ha anche spiegato come, dopo i Doors, si sia imbattuto in molti dei collaboratori di Zappa a Los Angeles, incluso il trombettista Sal Marquez. “Dopo i Doors, ho iniziato ad interessarmi al jazz e ho iniziato a uscire con Sal”, ha detto il chitarrista. “Abbiamo messo insieme questo gruppo, la prima band di Robby Krieger, e abbiamo suonato al Whiskey A-Go-Go con Don Preston, il tastierista di Zappa”.

Barrow, collaboratore di lunga data di Krieger, poi “ha iniziato a uscire con Don e con Zappa. Don era nella mia band, quindi abbiamo deciso di affidare ad Arthur l’incarico di stare al mix per i nostri spettacoli al Whisky, è così che l’ho incontrato per la prima volta negli anni Settanta”.

The Ritual Begins at Sundown Tracklist

1. What Was That?
2. Slide Home
3. The Drift
4. Chunga’s Revenge
5. Hot Head
6. Yes, the River Knows
7. The Hitch
8. Dr. Noir
9. Bianca’s Dream
10. Screen Junkie