Drake pubblica il singolo ‘I’m Upset’ e risponde al dissing di Pusha T

Non solo canzoni: nel weekend il rapper ha postato anche una fattura da centomila dollari intestata a Kanye West.

A poche ore dalla pubblicazione di Duppy Freestyle, brano in cui risponde alle accuse lanciate da Pusha T nel suo nuovo disco, Drake ha fatto uscire un altro pezzo: I’m Upset.

«I’m upset/ Fifty thousand on my hands it’s disrespect/ So offended that I had to double check»: si apre così il nuovo singolo che sarà contenuto in Scorpion, album in uscita a giugno. Potete ascoltarlo qui sotto:

Per chi invece si fosse perso il dissing, vi facciamo un riassunto: lo scorso venerdì è uscito Daytona, il nuovo album di Pusha T all’interno del quale c’è Infrared, brano in cui il rapper e Kanye West ritornano sulla questione “ghostwriting” che coinvolse Drake nel 2015. Questo il verso incriminato: «It was written like Nas but it came from Quentin», letteralmente «sembra scritto da Nas invece è opera di Quentin». Il Quentin in questione è Quentin Miller, all’epoca accusato di essere appunto l’autore di Drake. Segue screenshot di un tweet passato alla storia:

Drake ci ha messo pochissimo e ha risposto ironicamente prendendo per i fondelli Pusha T in Duppy Freestyle (You might’ve sold some college kids some Nikes and Mercedes / But you act like you sold drugs for Escobar in the ’80s), oltre a twittare la foto di una fattura da 100.000 dollari emessa dalla O.V.O label di Drake alla West G.O.O.D. di Kanye. L’oggetto? Assistenza promozionale e recupero di carriera. Della serie: you don’t mess with me.

You’re welcome. 🦉

Un post condiviso da champagnepapi (@champagnepapi) in data: