Home Musica News Musica

David Byrne è la nuova stella di Broadway

A ottobre il meraviglioso show di 'American Utopia' si stabilirà all'Hudson Theatre per una lunga residenza

Un momento del bellissimo show di David Byrne

Foto di Catalina Kulczar

L’acclamato spettacolo teatrale di David Byrne in suporto del suo album del 2018, American Utopia, andrà in scena a Broadway per una lunga residenza entro la fine dell’anno. American Utopia, dove David Byrne, assieme a un ensemble speciale, interpreta sia le canzoni dei Talking Heads che le creazioni soliste, andrà in scena prima per 18 serate all’Emerson Colonial Theatre di Boston a settembre per poi migrare all’Hudson Theatre di Broadway in ottobre.

Lo spettacolo andrà in scena dal 4 ottobre al 19 gennaio 2020. “Mentre stavo registrando le canzoni per il mio album American Utopia mi venne in mente che sarebbero state entusiasmanti da suonare dal vivo – e mi resi conto che molto del mio materiale più vecchio si sarebbe inserito perfettamente… Ho immaginato proprio uno spettacolo dal vivo”, ha scritto Byrne in una lettera sulla produzione di Broadway.

“Ho immaginato un sacco di batteristi, una specie di drum line/samba school/second line che avrebbe creato i ritmi. Avevo questa visione di quanto sarebbe stato eccitante – sia per me che per un pubblico. Mi sono anche reso conto che ciò che crea il maggiore impatto sul pubblico sono gli esecutori”.

Byrne ha continuato: “Vista la teatralità dello spettacolo, in tanti hanno iniziato a dirmi “questo deve andare a Broadway”. Perché no? Ma cosa significa questo? Con una residenza in un bellissimo teatro di Broadway, possiamo perfezionare il suono, le luci, il movimento. Mi sono detto che questo nuovo contesto potrebbe essere una buona idea, potrebbe far risaltare un po’ di più l’arco narrativo, per renderlo un po’ più esplicito. Ho chiesto ad Alex Timbers, con il quale avevo lavorato due volte prima su dei musical, di aiutarmi. Ha portato alcune idee originali e perspicaci, idee che non riuscivo a immaginare, e le abbiamo usate per costruire partendo da ciò che avevamo”.

Leggi anche