Home Musica News Musica

Dario Franceschini: «Non ridurremo il numero di spettatori presenti ai concerti»

Mentre il governo si appresta ad approvare un nuovo DPCM, il Ministro dei Beni culturali assicura che spettacoli da vivo e sale cinematografiche non subiranno ulteriori restrizioni

Foto: Felix Mooneeram/Unsplash

Il numero massimo di spettatori consentiti nei cinema e ai concerti non subirà una riduzione. Lo dice a Repubblica Dario Franceschini, Ministro dei Beni culturali. Alcune anticipazioni pubblicate negli ulitmi giorni dalla stampa parlavano di una possibile stretta sulle presenze al cinema e ai concerti nel DPCM di imminente approvazione. Attualmente, è consensito organizzare spettacoli dal vivo con massimo 1000 persone all’aperto (come è accaduto questa estate: ne abbiamo scritto qui) e 200 al chiuso.

«Continuo a leggere interviste e dichiarazioni o a ricevere appelli del mondo dello spettacolo sulla presunta volontà del governo di ridurre il limite di 200 persone al chiuso e di 1000 all’aperto per spettacolo dal vivo e cinema. Non esiste questo rischio», dice Franceschini. «Nel DPCM saranno confermati questi limiti con la conferma della  possibilità delle regioni di derogare. E le deroghe sino ad oggi concesse con ordinanze regionali verranno fatte salve proprio con il DPCM».

A proposito di difficoltà create dalle restrizioni dovute alla lotta al coronavirus, sabato 10 ottobre si è svolta a Milano la manifestazione dei Bauli In Piazza: Piazza Duomo si è trasformata in una sorta di “installazione” per sostenere i lavoratori del settore.