Cosmo: «Le indicazioni del Cts sui concerti sono ridicole» | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Cosmo: «Le indicazioni del Cts sui concerti sono ridicole»

Il musicista ha commentato su Instagram la decisione del Comitato Tecnico Scientifico sulle capienze delle sale da concerto. «Nel resto d’Europa sono andati tutti oltre»

Cosmo

Foto: Chiara Lombardi

«Le indicazioni del Cts sono ridicole. Nel resto d’Europa sono andati tutti oltre, molto oltre». Così, con un messaggio pubblicato nelle storie di Instagram, Cosmo ha commentato le nuove indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico sulle capienze per i concerti: 100% all’aperto e 80% al chiuso per sale da concerto, teatri e cinema, ma palazzetti al 50%.

Quelle del Cts sono, appunto, indicazioni. Tocca ora all’esecutivo decidere se accoglierle così come sono e soprattutto come trasformarle in legge, tanto più che dalle poche informazioni emerse finora non sono chiare alcune cose, ad esempio la necessità o meno che le sale da concerto ospitino gli show solo con posti a sedere. Scrive perciò Cosmo che il governo è di fronte a una scelta: «Offrire l’ennesimo incentivo a ritrovi illegali e proteste di piazza, oppure tutelare il settore culturale, la socialità e la felicità dei cittadini».

«Non chiamiamola più prudenza o gradualità», continua Cosmo, «chiamiamola paranoia, ipocrisia, anacronismo o contraddizione. 100% subito. Aprire club e discoteche col Green Pass (a che serve altrimenti?). Non ha senso lasciare a Salvini queste istanze. La sinistra vuole ricominciare a fare la sinistra?».

Prima delle nuove indicazioni del Cts, Cosmo è stato uno dei moltissimi musicisti a commentare le immagini dei comizi senza distanziamento dell’ex premier Conte. «Se dal governo non arrivassero notizie positive su aumento capienze, annullamento del distanziamento e pubblico in piedi ai concerti dovremo uscire da questi cazzo di social e prenderci le strade. Lo scandalo ormai è sotto gli occhi di tutti. Ci siamo rotti il cazzo di fare da capri espiatori», aveva scritto.

La settimana scorsa, invece, hanno discusso il tema anche gli organizzatori di concerti. Riuniti a San Siro, hanno chiesto il ritorno della capienza al 100% (ovviamente con Green Pass) e spiegato perché altre soluzioni non sono percorribili. Ne abbiamo parlato qui.

Altre notizie su:  Cosmo