Cosmo annuncia i primi live senza distanziamento, ma con green pass o tampone negativo | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Cosmo annuncia i primi live senza distanziamento, ma con green pass o tampone negativo

Il primo gesto concreto per tornare alla normalità dei concerti: pubblico in piedi «per vivere la musica come andrebbe vissuta». Se le cose dovessero peggiorare, l'organizzatore rimborserà il biglietto

Cosmo

Foto: Chiara Lombardi

Cosmo ha annunciato due concerti in ottobre. Con una particolarità, che poi dovrebbe essere la normalità: non ci sarà distanziamento e i posti saranno in piedi per ballare e «vivere la musica come andrebbe vissuta».

I due concerti di La prima festa dell’amore si terranno all’Arena Parco Nord di Bologna l’1 e il 2 ottobre 2021 (biglietti in vendita su Dice dal 14 luglio alle ore 11). Per accedervi sarà necessario il green pass, che certifica l’avvenuta vaccinazione, o un tampone rapido negativo effettuato entro le 48 ore dall’inizio dell’evento. Regole simili sono già state utilizzate all’estero, sia in fase sperimentale che in veri concerti, e sono state contestate da chi pensa che limitino la libertà di chi non vuole o non può vaccinarsi. Lo show si terrà sotto un grande tendone aperto ai lati in modo da garantire la circolazione dell’aria.

Com’è noto, finora i concerti si sono tenuti secondo regole dettate dalla legge che prevede capienze limitate, distanziamento fra le persone, mascherine, posti seduti.

«Si parla tanto di ripartenza e ritorno alla normalità, ma noi siamo convinti che per il nostro settore la normalità tornerà quando si potrà ricominciare a vivere la musica dal vivo nel modo in cui andrebbe sempre vissuta», spiegano Emiliano Colasanti (42 Records) e DNA Concerti. «Non tutti i concerti sono fatti per essere fruiti da seduti, non tutti i generi musicali si possono esprimere in quella modalità e per tanti artisti che hanno ricominciato ce ne sono tanti altri ancora fermi. Abbiamo deciso di provarci e con noi ha deciso Cosmo, artista da sempre sensibile alle tematiche dell’aggregazione sociale e che si muove a cavallo tra due mondi: quello della musica dal vivo e quello del clubbing, uno degli ambiti più danneggiati dalla pandemia e strumentalizzati dalla politica».

Spiega Cosmo che per La prima festa dell’amore, nome che richiama quello del suo ultimo album La terza estate dell’amore (qui la nostra intervista), «abbiamo scelto Bologna che è da sempre un avamposto delle avanguardie culturali e underground, essendo anche raggiungibile facilmente da tutta Italia è davvero la location perfetta. Annunciare il primo live in cui sarà permesso, anzi doveroso ballare, è un segnale importante per tutti e sinceramente non vediamo l’ora di cominciare. Sarà una festa, promesso».

Ovviamente nessuno sa quale sarà di preciso la situazione epidemiologica nell’ottobre 2021. Artista e organizzatore spiegano che qualora dovesse «risultare incompatibile con lo svolgimento del concerto nelle date prestabilite, non solo gli appuntamenti verranno riprogrammati ma per chi lo vorrà il costo del biglietto sarà totalmente rimborsato. Allo stesso modo, il costo del biglietto verrà rimborsato anche a chi, essendo in possesso di un biglietto acquistato in prevendita, dovesse trovarsi in una situazione di positività a ridosso dell’evento».

Altre notizie su:  Cosmo