Home Musica News Musica

Coronavirus, è stato cancellato il Coachella

Il grande festival californiano è stato rimandato in ottobre. Gli headliner erano Rage Against the Machine, Travis Scott e Frank Ocean

Foto: Koury Angelo per Rolling Stone US

A causa dell’epidemia di coronavirus che si sta espandendo negli Stati Uniti, il Coachella Music and Arts Festival non si terrà come previsto nei due weekend di aprile (il 10, 11 e 12 aprile e il 17, 18 e 19 aprile). Gli headliner erano Rage Against the Machine, Travis Scott e Frank Ocean. Lo ha annunciato Goldenvoice, la sussidiaria di AEG che organizza il Coachella e un altro festival cancellato, lo Stagecoach: “In ottemperanza alle disposizioni della contea di Riverside e delle autorità sanitarie locali, dobbiamo purtroppo confermare la riprogrammazione del Coachella e dello Stagecoach a causa delle preoccupazioni legate al COVID-19. Prendiamo molto seriamente la sicurezza e la salute del pubblico, del personale e della comunità che ci ospita. Esortiamo tutti a seguire le linee guida e i protocolli delineati dai funzionari della sanità pubblica”.

Il Coachella si tiene all’Empire Polo Club di Indio, California. Nello Stato sono per ora 167 i casi di coronavirus confermati, con due decessi. La contea di Riverside, che si trova fuori Los Angeles e comprende la piccola città di Indio, ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria domenica 8 marzo dopo il ricovero di un paziente affetto da coronavirus in un ospedale locale. I casi di COVID-19 nella contea sono per ora 6.

“Il Coachella si svolgerà il 9, 10 e 11 ottobre e il 16, 17 e 18 ottobre 2020”, spiegano a Goldenvoice. “Lo Stagecoach si terrà il 23, 24 e 25 ottobre 2020. I biglietti acquistati per le date di aprile varranno per quelle di ottobre. Entro venerdì 13 marzo saranno diffuse le modalità su come ottenere un rimborso in caso di impossibilità a partecipare. Grazie per il supporto, non vediamo l’ora di ritrovarvi nel deserto in autunno”.

Altre notizie su:  coronavirus