Home Musica News Musica

Come sta andando la petizione anti-Metallica?

Una raccolta firme vuole escludere la band dal cartellone di Glastonbury: tutta "colpa" di James Hetfield, appassionato cacciatore di orsi

Va detto da subito: non c’è alcuna possibilità che la petizione anti-Metallica a Glastonbury abbia un qualche effetto su Michael Eavis e la figlia Emily e faccia loro decidere di bloccare il concerto dei Four Horsemen a fine mese al festival inglese. Però è interessante il risultato già ottenuto dalla campagna online: sono già 20.000, e di sicuro non tutti di ambientalisti, i like alla pagina Facebook dedicata alla campagna per bandire la formazione dall’evento, formalmente a causa della passione per la caccia del frontman James Hetfield.

Invece alla petizione vera e propria hanno aderito oltre 6800 persone quando bisognerebbe arrivare a 7000, soglia minima per ricevere un feedback formale da papà e figlia Eavis, storici organizzatori di Glastonbury. Come vi raccontavamo giorni fa, l’annuncio dei Metallica come headliner aveva già scatenato polemiche a non finire, anche fra colleghi musicisti: i più scettici erano sembrati Alex Turner degli Arctic Monkeys e Barry Burns e Stuart Braithwaite dei Mogwai, che hanno in particolare espresso il loro desiderio di vedere sì i Metallica dal vivo… ma quelli del 1989.

Su questo stato di cose si è “appoggiata” la notizia del coinvolgimento di James Hetfield in una serie di documentari dedicati alla caccia all’orso in Alaska. “Crediamo”, si legge nella presentazione della raccolta firme, “che il supporto dato da James Hetfield alla caccia di grandi animali sia incompatibile con lo spirito di Glastonbury”. Chris Jenaya Aaron Dale, che ha fatto partire l’iniziativa, ammette che “ci saranno stati sicuramente molti altri cacciatori su quei palchi, ma dubito che uno qualunque di loro abbia avuto un programma tv in prima serata a promuovere la propria opinione che la caccia sia una attività positiva… Questa doppia esposizione raddoppia la pubblicità alle sue idee”.

I Metallica sono previsti a Glastonbury il 28 giugno, mentre fra gli altri headliner ci sono Arcade Fire e Kasabian.

Leggi anche