Home Musica News Musica

Class action contro SXSW: «Vogliamo il rimborso dei biglietti»

Partecipare al festival costa intorno ai 1000 dollari. L'organizzazione risponde: «Non abbiamo i soldi, situazione finanziaria terribile»

Foto: Larry W Smith/EPA-EFE/Shutterstock

Mandatory Credit: Photo by Larry W Smith/EPA-EFE/Shutterstock (9453250h) People walk past a SXSW sign inside the Austin Convention Center on the first day of South by Southwest in Austin, Texas, USA, 09 March 2018. South by Southwest (SXSW) Conferences and Festivals offer the unique convergence of original music, independent films, and emerging technologies. South by Southwest (SXSW) iin Austin, Texas, USA - 09 Mar 2018

Il South by Southwest, uno dei festival musicali e cinematografici più importanti al mondo, sta affrontando una class action organizzata dagli acquirenti dei biglietti dell’edizione 2020, che lamentano non gli sia mai stato offerto il rimborso dei biglietti.

La causa è stata depositata presso il tribunale il 24 aprile da Maria Bromley e Pauta Kleber. I querelanti sostengono di aver speso più di $ 1000 a testa per partecipare all’evento, previsto in origine per il 12-20 marzo. Il 6 marzo però è arrivato l’annuncio della cancellazione del festival di Austin a causa delle ordinanze da pandemia.

Dopo l’annullamento, SXSW ha annunciato che al posto del rimborso avrebbe offerto ai possessori biglietti, pass e registrazione gratuita per gli eventi del 2021, 2022 o 2023, oltre ad offrire uno sconto aggiuntivo del 50% per partecipare a un altro di quei tre anni. Ma il pubblico pagante non ci sta: «Non si può essere certi che si verifichino festival futuri». L’offerta inoltre, notificata il 12 marzo, sarebbe scaduta il 30 aprile.

«SXSW ha spostato l’onere della pandemia di COVID-19 sui partecipanti al festival… persone che in questi tempi disperati potrebbero aver seriamente bisogno dei soldi che hanno pagato per un festival che non si è mai verificato», recita la denuncia apparsa su Billboard USA.

«Quando il sindaco Steve Adler ha emesso un ordine il 6 marzo 2020, vietando l’evento a causa della pandemia di COVID-19, abbiamo capito e concordato con la sua politica. La pandemia e la cancellazione hanno causato un’enorme perdita alla nostra attività, al nostro personale, alla città e ai suoi cittadini», ha dichiarato un portavoce SXSW a Rolling Stone. «Stiamo raccogliendo i pezzi dopo aver trascorso un anno a programmare quello che sarebbe stato un evento straordinario che avrebbe richiesto tempo, energia e risorse significative per la produzione».

«A causa della natura unica dell’attività di SXSW, in cui facciamo affidamento su un evento annuale, abbiamo sostenuto ingenti quantità di costi non recuperabili con largo anticipo rispetto a marzo. Queste spese e la perdita delle entrate previste hanno comportato una situazione in cui non abbiamo i soldi per emettere rimborsi», continua la nota. «SXSW, come molte piccole imprese in tutto il paese, si trova in una situazione finanziaria terribile. Desideriamo poter fare di più, stiamo facendo del nostro meglio per riconciliare la situazione e abbiamo offerto un’opzione di pacchetto di differimento agli acquirenti delle registrazioni 2020».