Home Musica News Musica

Chi è Simona Molinari, stasera a Sanremo con Raphael Gualazzi

La cantante pop-jazz torna al festival dopo ‘Egocentrica’ e ‘La felicità’. Questa volta duetterà con Gualazzi sulle note di ‘E se domani’

Simona Molinari

Foto press

Questa sera a Sanremo ci sarà anche Simona Molinari, di ritorno al festival per duettare con Raphael Gualazzi sulla canzone E se domani. Per la cantante pop-jazz non è la prima volta sul palco dell’Ariston: ha già partecipato nel 2009 (nella categoria giovani con il brano Egocentrica) e nel 2013 (in coppia con Peter Cincotti con La Felicità, poi disco d’oro).

Nata a Napoli nel 1983, è cresciuta a L’Aquila. Inizia a studiare musica a solo 12 anni, appassionandosi subito al jazz, al canto lirico e allo swing. Dopo il diploma al conservatorio Alfredo Casella, inizia la gavetta nei piano bar, e nel 2006 riceve il premio come miglior cantante nel “Premio 25 aprile”. L’anno successivo lavora al musical Jekyll & Hyde, mentre nel 2008 vince Sanremolab con Arisa, conquistandosi la partecipazione al festival dell’anno successivo.

A Sanremo 2009 duetta con Ornella Vanoni, poi pubblica il primo album intitolato proprio Egocentrica. Nel 2010 esce il secondo LP Croce e delizia, che farà vincere a Molinari il Premio Lunezia nella categoria Jazz d’Autore e la porterà a Umbria Jazz, ai Wind Music Awards, al Premio Mogol e al Premio Tenco. Dal 2011 inizia a collaborare con Peter Cincotti, con cui parteciperà a Sanremo con le canzoni La Felicità e Dr. Jekyll & Mr. Hyde. Nel 2015 pubblica l’album Casa Mia e parte per un lungo tour in onore di Ella Fitzgerald che la terrà impegnata fino al 2018. In questo periodo colleziona collaborazioni con artisti come Andrea Bocelli, Al Jarreau, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Fabrizio Bosso, Roberto Gatto, Roy Paci e Danny Diaz.

A marzo 2019 debutta da attrice nel film di Walter Veltroni C’è Tempo, per cui scrive anche parte della colonna sonora. Il 2020 inizia con la partecipazione a Sanremo, a cui seguirà un album e il progetto live “Sbalzi d’amore”.