Il compleanno di Paul McCartney e le 5 volte in cui stavamo per perderlo | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Il compleanno di Paul McCartney e le 5 volte in cui stavamo per perderlo

Dall'elicottero a tanto così dallo schianto a quella volta in cui per poco annegava. Quella roccia del Macca compie oggi 73 anni

Paul McCartney, foto via Facebook

Paul McCartney, foto via Facebook

1. Lo schianto in elicottero (2012)
L’episodio risale a maggio 2012 quando, in volo con la moglie Nancy Shevell verso la loro casa nell’East Sussex, Paul McCartney per pochissimo non si è schiantato contro la cima di un albero. Talmente pochissimo che sui giornali inglesi ne parlano in termini di “two feet away from death”, “sessanta centimetri dalla morte”, pressapoco.
Naturalmente non era sir Paul ai comandi del suo elicottero privato, ma un pilota esperto che comunque aveva perso l’orientamento a causa di scarsa visibilità (l’East Sussex non è famoso per il suo clima mite). Spavento ma nemmeno tanto per i celebri occupanti del mezzo, che non si sono resi conto dell’effettivo pericolo fin quando non sono stati coi piedi per terra. E d’altra parte, non è la prima volta (ma speriamo che sia stata l’ultima) che Macca sfugge al “tristo mietitore”.

Paul McCartney e sua moglie Linda, foto via facebook

Paul McCartney e sua moglie Linda, foto via facebook

2. Investito da… Demi Lovato?! (2012)
L’ex più amata dalle teenager, ora giudice ad X Factor USA con Britney Spears, stava travolgendo McCartney in quel di Los Angeles lo scorso aprile. In questo caso è ancora più consolante che non sia successo nulla: dopo tante “quasi morti” con un che di leggendario, vedere scritta la parola fine in un parcheggio sarebbe stato quasi un insulto.

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

3. L’incidente… quello famoso (1966)
Se ancora oggi uno dei primi risultati su Google per Macca è “Paul McCartney morto” lo si deve al pauroso incidente stradale che sarebbe avvenuto sulla M1 di Londra il 9 novembre 1966 (ma lui in realtà era in vacanza lo stesso giorno), distruggendo la Aston Martin del Beatle e decapitando proprio lui: così la band sarebbe stata costretta a procurarsi un sosia per continuare dischi e tour. Ogni fan ha una sua opinione precisa su quanto avvenuto, il diretto interessato (giustamente) alimenta la leggenda continuando a… nicchiare.

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

4. Per poco annegava (1963)
Raccontato nel libro biografico sui Beatles The True Story of the Beatles di Billy Shepherd, Paul spiega che in “vacanza premio” a Tenerife si era avventurato oltre una barriera di scogli ed era finito a nuotare inavvertitamente nel bel mezzo di una corrente che aveva iniziato a trascinarlo lontano dalla riva. Le sue richieste d’aiuto non arrivavano fino agli altri Beatles sulla spiaggia: non è chiaro come si sia tirato fuori dalla drammatica situazione, ma sappiamo che finì con un epico litigio con George Harrison e Ringo Starr, colpevoli di averlo ignorato.

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

Paul McCartney, foto via facebook ufficiale

5. L’incidente in moto a Natale (1963)
Meno grave di quello più tristemente famoso occorso a Bob Dylan, ma all’origine di molta della confusione su cicatrici (alla bocca, in particolare) e ipotizzata morte del bassista (cfr. l’episodio al punto 3).

Paul McCartney con gli Wings, foto via facebook ufficiale

Paul McCartney con gli Wings, foto via facebook ufficiale

Altre notizie su:  Paul McCartney