Home Musica News Musica

Bruce Springsteen: «Siamo ancora perseguitati dal peccato originale della schiavitù»

In una trasmissione per la E Street Radio, il Boss ha parlato della situazione del Paese dopo la morte di George Floyd e ha scelto una selezione di canzoni sulla protesta e l'ingiustizia razziale

Bruce Springsteen

Foto: Getty Images

Bruce Springsteen ha detto la sua sul movimento di protesta scoppiato in tutta l’America in seguito al caso George Floyd e ha proposto alcuni brani come parte della serie Bruce Springsteen — From His Home to Yours sulla E Street Radio. Le canzoni scelte per il programma riguardavano tutte la protesta politica e l’ingiustizia razziale, a partire da 41 Shots (American Skin), il pezzo che ha scritto nel 2014 sulla morte dell’immigrato guineano disarmato Amadou Diallo per mano del dipartimento di polizia di New York.

“Otto minuti”, ha affermato Springsteen. “Quella canzone dura quasi otto minuti. È quanto ci ha messo George Floyd a morire con il ginocchio di un poliziotto di Minneapolis che gli schiacciava il collo. È tantissimo. E per tutto quel tempo ha chiesto aiuto e ha detto che non riusciva a respirare. Le risposte di chi lo stava arrestando sono state il silenzio e la pressione. Alla fine non aveva più polso, e non si sono fermati… Possa George riposare in pace”.

“In questo momento ci sono 40 milioni di disoccupati”, ha continuato. “Oltre 100.000 cittadini sono morti per COVID-19 con una risposta appena tiepida e del tutto insensibile della Casa Bianca. Ad oggi, i cittadini afroamericani continuano a essere uccisi inutilmente dalla polizia per le strade d’America. Mentre andiamo in onda, il Paese è in fiamme e nel caos più totale”.

Altre canzoni della selezione includevano This Is America di Childish Gambino, Burnin’ and Lootin di Bob Marley and the Wailers, Who Will Survive in America? di Kanye West e tre brani di Bob Dylan: Political World, Blinde Willie McTell e Murder Most Foul.

“Siamo sempre perseguitati, generazione dopo generazione, dal peccato originale della schiavitù”, ha detto Springsteen prima di Blind Willie McTell. “Rimane il grande problema irrisolto della società americana. Quel bagaglio diventa più pesante per ogni generazione. Proprio come accade per questa settimana violenta e caotica nelle strade dell’America, non si vede la fine”.

Springsteen ha anche suonato il classico di Billie Holiday Strange Fruit. “Una delle canzoni più oscure del canone americano”, ha spiegato il Boss. “Il video della morte di George Floyd è un linciaggio visivo del XXI secolo, e Strange Fruit parla dei linciaggi degli afroamericani dopo la ricostruzione e nel XX secolo”.

A metà del programma, ha fatto sentire un discorso che Martin Luther King Jr. aveva tenuto a Birmingham, in Alabama, con parecchi echi della crisi che affrontiamo oggi. “Non ci siamo occupati molto bene della nostra casa”, ha detto Springsteen. “Non può esserci pace permanente senza la giustizia a cui hanno diritto tutti gli americani, indipendentemente dalla loro razza, colore o credo. Gli eventi dell’ultima settimana hanno dimostrato ancora una volta quell’idea. Abbiamo bisogno di cambiamenti sistemici nelle forze dell’ordine e della volontà politica della nostra cittadinanza per un cambiamento che riporti in vita gli ideali del movimento per i diritti civili nella contemporaneità”.

Il Boss ha chiuso lo show con America (My Country, ‘Tis of Thee) dell’United States Army Field Band Soldiers Chorus e In My Hour of Darkness di Gram Parsons. “Possiamo scegliere tra caos o comunità, tra risveglio spirituale, morale e democratico o restare una nazione intrappolata nella storia se i problemi vengono rifiutati o non affrontati”, ha spiegato. “Il nostro sistema è abbastanza flessibile da apportare, senza violenza, i cambiamenti umani e fondamentali necessari per una società giusta?”

“La storia americana, la nostra storia, è nelle nostre mani e che Dio ci benedica tutti”, ha continuato. “State al sicuro. Siate forti. Fino a quando potremo incontrarci di nuovo, datevi da fare. E andate in pace”.

Leggi anche