Home Musica News Musica

Bruce Springsteen e Barack Obama hanno fatto un podcast insieme

‘Renegades: Born in the USA’ parlerà di razzismo, paternità e della condizione degli Stati Uniti. «Io e Bruce non abbiamo molto in comune, ma cerchiamo di capire questo paese e raccontare la storia della sua gente»

Foto: Lynne Sladky/AP Images; Greg Allen/Invision/AP Images

Barack Obama e Bruce Springsteen hanno fatto un podcast. Si intitola Renegades: Born in the USA ed è la seconda serie originale nata dalla partnership tra Spotify e Higher Ground, l’azienda di Barack e Michelle Obama.

Nelle otto puntate di Renegades l’ex presidente e il cantautore conversano di razzismo, paternità, matrimonio, delle loro città natale, dei loro eroi, di mascolinità moderna, della condizione attuale degli Stati Uniti e della loro amicizia decennale, nata durante la campagna elettorale del 2008. «Come siamo finiti qui? Come possiamo trovare la strada verso una storia americana unificata?», dice Obama nell’introduzione del primo episodio. «Questo argomento ha dominato molte conversazioni del mio ultimo anno: con Michelle, le mie figlie, i miei amici. E tra questi amici c’è anche Mr. Bruce Springsteen».

«In superficie, io e Bruce non abbiamo molto in comune», continua Obama. «Nel corso degli anni, però, abbiamo trovato una sensibilità condivisa. Ha a che fare col lavoro, con la famiglia e con l’America. A modo nostro, io e Bruce abbiamo vissuto due viaggi paralleli per capire questo paese. Per raccontare la storia della sua gente. Per trovare un modo per collegare le nostre ricerche individuali con la grande storia americana».

Altre notizie su:  Barack Obama Bruce Springsteen